DSC_0339-340x226

Quella mattina Patrizia Moretti si sveglia nel cuore della notte. È preoccupata: suo figlio non è ancora rincasato. Poi sente un rumore nella sua stanza. Torna a dormire. È tranquilla ora. Ma non è così: Federico non è nel suo letto. Il suo corpo giace esanime sull’asfalto di via Ippodromo a Ferrara.

Adesso Patrizia su quel letto vuoto va a sedersi spesso, per riprendere fiato e riordinare le idee, per recuperare le forze. In questi anni ha dovuto superare molte prove: il primo referto di morte per overdose; la lotta per rompere il silenzio e l’indifferenza della gente; la battaglia per smascherare il tentativo di occultare le prove da parte delle istituzioni.

Federico è morto a diciotto anni.

Ucciso di botte in una sera qualunque da quattro poliziotti, la sua morte sembra non interessare nessuno. Ma poi l’apertura del blog, i primi sostenitori, le dimostrazioni di solidarietà danno speranza, la speranza di un’Italia che finalmente vede.

Ci sono le prime indagini, i processi, lo sguardo dei carnefici, le menzogne, le false testimonianze, gli insulti, le querele e poi la manifestazione del Coisp, il sindacato di polizia, proprio sotto l’ufficio di Patrizia.

Patrizia rivendica giustizia, fino alla condanna degli imputati e al pubblico riconoscimento della loro colpa, perchè l’unica cosa che potesse riscattare il ricordo di Federico è: restituire verità.

Patrizia Moretti affida a questo libro inchiesta, scritto a quattro mani con la psicoanalista Francesca Avon, il racconto della sua battaglia. 

In queste pagine troverete il racconto dettagliato della mobilitazione che Patrizia Moretti ha saputo innescare nella società civile italiana. 

Una storia che, se non fosse suffragata da testimonianze e carte di tribunali, sarebbe incredibile. Un diario intimo e coraggioso che racchiude in sé la crudezza di una realtà amara, ma anche molte parti di struggente poesia.

Patrizia Moretti Aldrovandi e Francesca Avon

presentano:

Una sola stella nel firmamento. Io e mio figlio Federico Aldrovandi. 

Sabato 25 Ottobre alle 18:30

Conduce: Antonio Mascolo, direttore di Repubblica Parma

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: