Published On: Mer, Nov 26th, 2014

Questa è la giustizia di merda che abbiamo in Italia

image

di MARCELLO VALENTINO – Questa è la giustizia di merda che abbiamo in Italia, condannati la Mambro e Fioravanti a 2 miliardi di risarcimento a favore delle vittime della strage di Bologna, risarcimento che non vedranno mai perché gli imputati sono nullatenenti. Questa giustizia si chiama farsa, o se volete: presa per il culo. E noi paghiamo lo stipendio a questi giudici. Forse sarebbe meglio condannarli per non essere in grado di intendere e di volere, rinchiuderli in una casa di cura per malati mentali. Assolto perché il reato è estinto, l’industriale proprietario della Eternit che causò tremila morti e nessun risarcimento danni. E qui verrebbe veramente voglia di mettere al muro tutti quei giudici che hanno portato avanti questo processo sino alla sentenza finale.
Uno si chiede: “Ma se questi fatti fossero accaduti in Germania o in Svizzera o in qualsiasi altra nazione anche terzomondista, cosa sarebbe successo?” e poi “quanti anni sono passati da quando sono successi questi fatti?”, ma come può un cittadino italiano credere che in Italia vi sia ancora giustizia? Come può avere ancora fiducia nelle istituzioni che lo devono difendere? Che ti facciano saltare in aria con una bomba o ti ammazzano con l’amianto, tu muori e quelli che ti hanno ucciso restano e alla fine di un interminabile processo continuano la loro vita, chi comodamente tra lussi e lazzi e chi un po’ meno ma comunque sempre meglio di chi è morto.
Io non voglio più credere in questa giustizia di merda, io non voglio più aspettare che la giustizia faccia il suo corso. Io sono per “occhio per occhio”, “dente per dente”, io non voglio che delinquenti di ogni genere vivono e prosperano alle spalle di chi, comportandosi onestamente viene ucciso all’improvviso e inconsapevolmente, o consapevolmente e nessuna giustizia lo ripagherà mai. Io voglio, e mi auguro, che tutti quelli che d’ora in avanti decidono di togliersi la vita, prima di farlo, vadano a far fuori chi li ha ridotti così. Io voglio che i giudici che emettano queste sentenze, a loro volta vengano giudicati per questo reato. Non voglio più vivere in questo paese dove la giustizia è in vendita al maggior offerente. Io mi auguro che d’ora in avanti chiunque subisca un’ingiustizia si faccia giustizia con le proprie mani, per poi attendere il giudizio di questa giustizia, così da avere tutti i vantaggi che questa comporta.
Campa cavallo che l’erba cresce.
Un’altra ingiustizia che c’è in Italia e che è un cancro che andrebbe estirpato è la contribuzione che un datore di lavoro è costretto a pagare per i dipendenti, un vero e proprio salasso per le povere tasche di chi, con grande coraggio fa l’imprenditore in Italia, dove vanno questi soldi? Non certamente per pagare le pensioni agli ex lavoratori che con le loro misere pensioni non gravano così tanto sui conti dell’Inps, vanno bensì a colmare quel divario delle pensioni d’oro di tanti politici e tanti ex-impiegati pubblici privilegiati che di contributi ne hanno versati ben pochi a fronte delle loro profumatissime pensioni dorate. E chi ve lo viene a spiegare tutto questo? Ulisse o Polifemo? In questo caso certamente nessuno.
E voi siete le pecore, e certamente non Ronzino e il suo governicchio che faranno di tutto per durare tutta la legislatura, in modo da assicurarsi anche loro la profumatissima pensione, e non credo che ci rinunceranno a favore degli italiani indigenti. Avete mai sentito dire a questa gente che si ridurranno lo stipendio? La deriva è cominciata da un pezzo e non credo che si fermerà.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette