Published On: Gio, Nov 20th, 2014

Temi caldi

Share This
Tags

GERMANY WEATHER

I temi caldi sono i cavalli di battaglia di tutti i politici per accaparrarsi i voti per le proprie poltrone; sono le cose più ovvie le più popolare, ma poi, alla conta dei fatti, nessun politico mette in atto. A Parma il cavallo di battaglia che ha fatto eleggere a Sindaco Pizzarotti (alias Topo Gigio) è il “no all’inceneritore, che poi è stato realizzato e che è stato messo anche in funzione, a discapito e contro la volontà della stragrande maggioranza dei cittadini che non lo volevano e che avevano dato il voto a Pizzarotti tv poi diventato  Topo Gigio, che se adesso andasse al voto prenderebbe un bel “vaffa” lo stesso che presto gli darà Grillo. Invece è lì a dettar l’agenda dalla sua comoda poltrona, mentre la gente dei quartieri allagati ripuliscono le poche cose rimaste, cercando di recuperare l’irrecuperabile. 

Il sindaco invece, con i suoi imberbi assessori e assessorini, lustri come tanti Calimeri dopo l’Ava, passano alla cassa a fine mese per ritirare il loro ottimo e lindo stipendio. Alle prossime elezioni ci penseremo, intanto studiamo il prossimo tema caldo che sarà il futuro cavallo di battaglia,” tanto ‘sti coglioni li fregheremo ancora”. Io aggiungo: “Se dopo tutto questo, li voterete ancora allora siete proprio dei coglioni. Avete l’inceneritore, state pagando il debito pubblico del comune senza aver fatto niente contro le banche, vi state ciucciando il debito delle partecipate, senza che nessuno dei responsabili è in galera”. Insomma, tirate un po’ le conclusioni, se siete o non siete coglioni. Il tema caldo che usò Ronzino, per essere eletto, fu “rottamazione”, e infatti – dopo essere stato eletto segretario del Pd -, la rottamazione la mise in atto, eccome, rottamando tutto o quasi del vecchio Pd, tant’è che oggi il partito potrebbe chiamarsi in un altro modo. Ma se oggi Ronzino si presentasse al voto del suo partito, quanti ancora lo voterebbero? Più che un tema caldo, si beccherebbe una gelatissima  doccia fredda.

Come anche la buon’anima di Berlusconi, che quasi non ci vede più, con tutti i temi caldi che ha cavalcato, dai caldi, caldi,  caldi, passerebbe agli attuali freddi, freddi, freddissimi, anche dudù non ci starebbe più.

Ma come si sa, qualche cosa succederà e gli Italiani sono sempre pronti per un nuovo tema caldo, ma stavolta, se ci arriveremo alle elezioni, forse sarà diverso, forse succederà come a Parma con l’inceneritore, che qualcosa deve pur incenerire e non sarebbe meglio incenerire tutti questi politici e far di tutti i loro temi caldi un unico enorme grande, tema caldo, ma tanto caldo da non lasciare più nulla se non un po’di cenere e di fumo multicolore. Chissà quanti Italiani si augurano che tutti i temi caldi di questi politici finiscano così.

Cari italiani e italiane, sta a voi decidere se lo volete o no. Landini, con il suo vocione e il suo modo molto democratico di parlare, di temi caldi ne avrebbe tantissimi da cavalcare, ma credo che a lui interessi solo una cosa: far fuori tutta questa classe politica. Speriamo solo che non si limiti ad una sterile quanto inutili estenuante trattativa, come hanno fatto negli anni, tutti i sindacalisti dei maggiori sindacati in Italia, che si sono messi alla mercè dei politici per ridurre l’Italia in questo stato.

Forse ce la facciamo ancora a salvarci, ma ci vuole un’illuminazione di cui sopra (incenerimento), non si può aspettare inermi che ti portino via tutto, facciamoglielo vedere noi un bel tema caldo a ‘sti stronzi.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette