Published On: Mer, Dic 17th, 2014

Politica=mafia, stato=mafia, banche=mafia, giustizia=corruzione

Share This
Tags

giustizia

Quante volte dalle pagine di questo settimanale vi ho bene illustrato su queste cose. Ma la realtà supera qualsiasi ipotesi. A Parma la giustizia è una pura chimera e lo sanno bene tutti quelli che la amministrano, l’unica domanda che uno si può fare è: come si fa a dormire con un fardello del genere nella testa?

Tutti i giorni ci sono persone che si suicidano, per non avere avuto giustizia. E chi gliela ha negata, cosa dovrebbe fare?

Giorno verrà che vera  giustizia sarà fatta. E voi, miseri esseri, non avete paura?

A Roma, Milano, a Parma, in tutta Italia  la politica e la mafia, o come la volete chiamare, fanno affari di ogni genere senza che nessun cittadino onesto sa nulla. Solo quando succede uno scandalo, l’opinione pubblica viene informata, ma passata la buriana, con la stampa che calma le acque tutto ritorna come prima, si ricomincia a tramare alle spalle del popolo. Sì, perché essendo il popolo bue, sarà sempre cornuto e mazziato, ma il popolo continuerà ad essere bue? Per avere la certezza che nessun politico rubi, dovrebbe essere messo sotto sorveglianza 24 ore su 24, ma anche così qualcosa sfuggirebbe. In Italia non succederà mai una rivoluzione o una guerra civile, anche se la gente è pronta per questo, perché tutte le forze politiche, nessuna esclusa, la vuole, tutte sono d’accordo finché ce n’è,  a pappare sulle spalle dei cittadini onesti. Ma anche questi, credo, siano ormai allo stremo, tartassati come sono da  tasse di ogni genere. Prima o poi usciranno di casa con il coltello tra i denti e al primo accenno di mala giustizia, si faranno giustizia da soli. Il problema è fare in modo che questo non accada, perché se dovesse accadere si innescherebbe una catena senza fine. E finalmente qualcuno capirebbe. Ma intanto se non volete far parte di quello che verrà e io ve lo consiglio, fate fagotto e andate via da questo paese di ladri, di corrotti, di falsi, portate via i soldi dalle banche, smettete di farvi taglieggiare dallo Stato, cercatevi un posto dove stare meglio di dove state adesso, qualcosa troverete, perché questo Paese ha creato un sistema disumano e solo se vi adeguate ad esso , accettandone o subendone tutte le conseguenze, riuscirete a sopravvivere. Si salvi chi può.

Un giudice ieri mi ha rimandato una causa già pendende da due anni,  che si poteva decidere in 10 minuti, al giugno 2017, questa è la giustizia del tribunale di Parma. A voi ogni commento. I processi, in tutti i tribunali d’Italia si concludono per moria, io li vorrei far concludere in un altro modo, ma non vi dico come, anzi, un indizio ve lo voglio dare: li vorrei far concludere come li vorreste far concludere voi.

Evviva la giustizia, quella vera, non quella amministrata da uomini piccoli, piccoli, meschini e insignificanti che trascorrono la loro vita in mezzo a mille scartoffie, trascinandosi come miseri inquisitori del nulla. Pensano di fare qualcosa vendendosi al miglior offerente, illudendosi di vivere la loro vita in mezzo agli agi terreni, la vera vita è di là da venire, e quella, a loro, sarà certamente preclusa. Che tu sia giudice, politico, banchiere o mafioso, i conti prima o poi li dovrai fare con qualcun altro.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette