Published On: Ven, Feb 20th, 2015

A tre anni dal terremoto conclusi i lavori di restauro e consolidamento della Reggia di Colorno

Share This
Tags

The Ducal Palace, also known as Reggia di Colorno, is an edifice in the territory of Colorno (province of Parma), Emilia Romagna. Image shot 2010. Exact date unknown.

Sono terminati i complessi lavori di restauro e consolidamento  e la Reggia di Colorno  si presenta di nuovo in forma perfetta all’inaugurazione, che si terrà sabato 21 febbraio 2015, a partire dalle ore 11, nella Sala del Trono.

Alla cerimonia prenderanno parte: Michela Canova, Sindaco di Colorno e Consigliera provinciale delegata al Patrimonio, Stefano Bonaccini Presidente della Regione Emilia-Romagna, Filippo Fritelli Presidente della Provincia di Parma, l’on. Giuseppe Romanini già Assessore al Patrimonio e Cultura della Provincia, Gian Carlo Borellini Soprintendente Beni Architettonici e Paesaggistici province di Parma e Piacenza, Enzo Malanca Presidente di ALMA srl, Gian Paolo Dallara, Vice Presidente Fondazione Cariparma; invitate tutte le altre autorità del territorio.

La Reggia di Colorno era stata duramente colpita dal terremoto del 25 e il 27 gennaio 2012: erano rimaste lesionate le strutture murarie e le sculture e dichiarati inagibili sia il palazzo sia la Cappella Ducale di San Liborio.
Ora, a tre anni di distanza, torna agli antichi splendori.

“La Reggia di Colorno è un patrimonio dell’intera comunità e la Provincia si è fortemente impegnata negli anni a salvaguardare questo gioiello e negli ultimi tre anni in questa importante opera di ripristino – afferma il Presidente Filippo Fritelli – Ma è stato indispensabile mobilitare le risorse di tutti: Alma, Fondazione Cariparma e Regione. Ora finalmente possiamo presentare i risultati di questo lavoro comune e ne siamo fieri.”

“Con la chiusura dei lavori di consolidamento della Reggia si chiude un cerchio – dichiara Michela Canova Sindaco di Colorno e Consigliera provinciale delegata – Colorno ha subito nel 2012 il terremoto sia di gennaio sia di maggio, tutti gli edifici storici erano stati colpiti: Reggia, Aranciaia, scuole e chiese. Ognuno ha provveduto a mettere a posto quanto di competenza e ora l’inaugurazione dei lavori del Palazzo è la conclusione del percorso, esempio importante di soluzione delle conseguenze del terremoto per una comunità.”

E l’on. Giuseppe Romanini afferma:“Si chiude un grande progetto di riqualificazione avviato col restauro della cappella di San Liborio e degli spazi esterni annessi, un percorso messo a dura prova dal terremoto del 2012 che danneggiò parte della struttura muraria della Reggia e gli apparati scultorei nonché la stessa cappella ducale. La  Provincia di Parma, con il sostegno della Regione e di Alma, ha reagito all’emergenza con determinazione per riportare in sicurezza e di nuovo fruibile il complesso monumentale. Ed è stato questo sforzo comune che, in tempi così difficili per le risorse pubbliche, ci ha permesso di realizzare i lavori necessari raggiungendo un risultato importante per il nostro territorio e per il Paese. L’inaugurazione segna dunque la nuova vita del palazzo che auspichiamo possa presto tornare a ospitare le statue e gli arredi che lo abbellivano, un progetto che ho condiviso e sul quale mi sento impegnato.”

I lavori, che hanno comportato una spesa complessiva di oltre 1.500.000,00 euro, sono riassunti nella tabella seguente e illustrati nel dettaglio nella nota informativa allegata.
Gli interventi, ad esclusione di quelli in carico ad ALMA Srl e di quelli finanziati da Fondazione Cariparma,  sono stati finanziati parte con contributo della Regione Emilia-Romagna nell’ambito del POR-FESR 2007/2013 “Valorizzazione del complesso Reggia di Colorno – Interventi di restauro della Cappella di San Liborio” e parte con fondi propri della Provincia, derivanti dalla relativa copertura assicurativa.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette