Published On: Lun, Feb 2nd, 2015

Aria irrespirabile, il Comune corre ai ripari

Share This
Tags

Image.ashx.html

L’assessore  all’ambiente Gabriele Folli ha deciso di correre ai ripari, almeno per fronteggiare quella che si configura come una vera e propria emergenza.

Ieri ha convocato in Municipio le istituzioni direttamente coinvolte (ARPA, Prefettura, AUSL, Ordine dei Medici), insieme  ai componenti delle commissioni consiliari, associazioni di categoria dei commercianti, società autostrade e associazioni ambientaliste.

Folli ha presentato al situazione ed ha ascoltato idee e proposte in merito alle misure da adottare per sensibilizzare la città e ridurre il grado di inquinamento.

L’assessore ha premesso che Parma sta attuando le misure previste dall’accordo regionale sulla qualità dell’aria, che comunque ha prodotto risultati importanti, ma purtroppo insufficienti a preservare la nostra salute: in dieci anni si è ridotto notevolmente l’inquinamento in termini di media annuale, grazie sia alle misure prese congiuntamente a livello regionale, sia agli investimenti attuati per alleggerire il carico inquinante (ad esempio rinnovando il parco veicoli del trasporto pubblico). Ciò è stato possibile proprio per effetto dei contributi legati all’accordo.

Per di più il Comune di Parma (la città è la più inquinata della regione) ha adottato misure aggiuntive: divieto di circolazione esteso ai veicoli Euro 4 nelle giornate di limitazione del traffico, riduzione del riscaldamento a 19 °, chiusura delle porte dei pubblici esercizi quando il riscaldamento è in funzione, controlli delle caldaie, ottenendo anche un riscontro importante in materia di rinnovo del parco veicolare circolante (immatricolazione di 10.700 veicoli Euro 5 e Euro 6 negli ultimi due anni).

Purtroppo, però, il numero degli sforamenti nel mese di gennaio è assolutamente incompatibile con quelli ritenuti dalla legge “accettabili” su base annua (35 in tutto, a fronte dei 21 già registrati   nel mese in corso), e a Parma siamo di un quarto sopra la media regionale.

“Parma da sola non ce la può fare – ha affermato il direttore di Arpa Eriberto De’ Munari – servirebbero interventi strutturali generalizzati, quali la coibentazione degli edifici, ma in via immediata possiamo agire solo sul traffico, e un’aspirina non cura la malattia ma può abbassare temporaneamente la febbre. Quindi è certo che più riduciamo il traffico e meglio staremo”.

La proposta dell’ARPA è stata sostanzialmente condivisa da quasi tutti gli interlocutori presenti al tavolo, in particolare da AUSL e Ordine dei Medici, con l’eccezione dei commercianti, che hanno posto il problema dei danni che deriverebbero alla categoria per misure che ritengono sostanzialmente poco efficaci.

Sul che fare, Comune e ARPA hanno indicato una strada possibile: anticipare  a Parma, in via sperimentale, l’applicazione di alcune delle misure che diventeranno legge regionale a partire dall’ottobre 2015, con chiusura al traffico dal lunedì al venerdì per i mezzi più inquinanti, con graduale ampliamento del divieto di circolazione dal 2015 al 2020.

Accantonata per il momento l’ipotesi di targhe alterne, la misura emergenziale su cui si sta lavorando e che verrà resa nota a breve nei suoi dettagli, è quella di chiudere la città al traffico per i mezzi inquinanti dopo 4 giorni consecutivi di ulteriori sforamenti, dalle 8,30 alle 18,30, fino a  quando la situazione non rientra nella normalità.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette