Published On: Mer, Feb 25th, 2015

Putin, taglio gas Kiev a est. Ucraina puzza di genocidio

Share This
Tags

Ukrainian army in Donetsk area before New Year

La cifra “pagata in anticipo dalla parte ucraina basterà per le forniture di gas per 3-4 giorni” e se non arriveranno altri pagamenti “Gazprom sospenderà le forniture”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin precisando che “è chiaro che questo può rappresentare una minaccia al transito” del metano russo “verso l’Europa”.  Putin ha comunque espresso la speranza che “non si arrivera’ a tali misure estreme e che le forniture” di metano “non saranno interrotte, ma questo – ha precisato – non dipende solo da noi ma anche” dall’Ucraina. Ieri l’ad di Gazprom, Alexiei Miller, ha affermato che a Kiev “restano solo 219 milioni di metri cubi di gas prepagato”.

La decisione del governo ucraino di tagliare le forniture di gas alle zone occupate dai separatisti “puzza un po’ di genocidio”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin citato dall’agenzia Interfax. “So – ha detto Putin, citato dall’agenzia Interfax – che in quella zona vivono circa quattro milioni di persone, potete immaginare – ha proseguito – che tutta questa gente restera’ senza forniture di gas durante la stagione invernale?” Il leader del Cremlino ha poi dichiarato che nel Donbass “c’e’ gia’ la fame” e che “l’Osce ha gia’ constatato che c’e’ una catastrofe umanitaria. Se si tagliano anche le forniture di gas, di cosa si puo’ parlare? Questo – ha concluso – puzza un po’ di genocidio”.

Le forze armate ucraine sostengono di non poter ancora iniziare il ritiro delle armi pesanti dal fronte perche’ i ribelli continuano a bombardare le loro postazioni. Secondo il portavoce delle truppe di Kiev, Anatoli Stelmakh, i separatisti avrebbero aperto il fuoco contro le postazioni ucraine 12 volte durante la notte.

Prigionieri cercano morti tra macerie scalo Donetsk
 – Sono iniziati i lavori per il recupero dei corpi dei soldati morti nei combattimenti all’aeroporto di Donetsk, finito nelle mani dei ribelli a gennaio dopo otto mesi di aspri scontri. Lo fanno sapere i media russi, secondo cui anche i militari ucraini prigionieri dei separatisti sono costretti a partecipare alle ricerche nello scalo ridotto a un cumulo di macerie. Secondo il vice ministro della Difesa dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Eduard Basurin, sono già stati rinvenuti quattro cadaveri.

Nessun militare ucraino e’ morto nelle ultime 24 ore nel Donbass e uno solo e’ rimasto ferito. Lo riferisce il portavoce delle truppe di Kiev, Andrii Lisenko, citato dall’agenzia Unian. Si tratta del primo giorno senza vittime tra i militari delle forze armate di Kiev da quando e’ scattata la tregua

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette