Published On: Gio, Mar 26th, 2015

Disastro aereo GermanWings, l’audio della scatola nera: un pilota era rimasto chiuso fuori dalla cabina e tentò di sfondare porta

Share This
Tags

Germanwings A320 crashes over French Alps

Lo rivela in Nyt. L’identificazione dei corpi delle vittime verrà effettuata coi test dna

Dall’audio registrato dalla scatola nera del volo GermanWings emerge che uno dei piloti era rimasto fuori dalla cabina di pilotaggio prima dello schianto, non potendo rientrare e per motivi ancora non chiari. Lo scrive il New York Times citando una fonte coinvolta nelle indagini. Secondo la fonte citata dal New York Times, dall’audio risulta che il pilota rimasto chiuso fuori dalla cabina avrebbe tentato di rientrare bussando prima piano senza ricevere risposta. Avrebbe continuato ad insistere sempre più, senza ricevere risposta. Fino a tentare di abbattere la porta: “Si sente che sta tentando di buttare giù la porta”.
Sono riprese all’alba le operazioni di recupero delle 150 vittime dell’Airbus della Germanwings. I primi corpi, sparsi sul massiccio dei Trois-Eveches, sulle Alpi francesi al confine con l’Italia dove l’aereo si è schiantato, sono stati evacuati con gli elicotteri nel tardo pomeriggio di ieri. Inizieranno oggi le operazioni di identificazione e, sempre oggi, in Alta Provenza è previsto l’arrivo delle famiglie delle vittime. La macchina organizzativa francese lavora da ieri per offrire loro “la migliore accoglienza”. Sul posto sono già stati reclutati quaranta interpreti di tedesco e spagnolo, la lingua della maggior parte delle vittime, e quattro unità medico-psicologiche, due francesi, una tedesca e una spagnola. In parallelo, prosegue l’indagine internazionale per far luce sulle cause dello schianto.

 

Resta un mistero lo schianto dell’Airbus A320 della Germanwings avvenuto martedì, con a bordo 150 persone, tutte morte. Lufthansa: ‘Inspiegabile’. Per la Bea nessuna ipotesi esclusa. Per il momento gli investigatori escludono l’ipotesi di sabotaggio. Il gruppo di studenti tedeschi aveva vinto un viaggio premio. Intanto sono state recuperate le scatole nere, ma ci vorranno settimane per avere dei responsi. Hollande, Merkel e Rajoy si sono recati sul luogo disastro: uniti nella tragedia. E ieri gli elicotteri hanno recuperato i primi resti delle vittime. In mattinata arrivano i familiari in Provenza. Equipe psicologi li assisteranno.

I leader europei sul luogo del disastro, sorvolano una zona disseminata di lamiere, corpi e disperazione. Il presidente francese,Francois Hollande, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier spagnolo Mariano Rajoy sono giunti a Seyne-les-Alpes, sulle Alpi francesi, dove si è schiantato un Airbus della Germanwings.

‘Sorteggio fatale’ per i sedici studenti morti nel disastro: erano stati estratti per vincere il viaggio. E una squadra di calcio svedese èsfuggita alla morte per caso.

L’identificazione dei corpi delle vittime verrà effettuata con i test del dna, che permetteranno di essere sicuri che si tratta dei passeggeri registrati nel volo.

Sulla zona, dopo la debole nevicata della scorsa notte, il cielo è coperto – fanno sapere i soccorritori – ma non dovrebbero esserci altre precipitazioni. E nelle prossime ore è previsto un ulteriore miglioramento, che favorirà le ricerche delle vittime e dei rottami dell’A320. Intanto,  il ministro francese dell’Interno, Bernard Cazeneuve, ha detto che la scatola nera contenente le registrazioni delle conversazioni all’interno della cabina di pilotaggio dell’aereo risulta danneggiata. Anche se danneggiata, si ritiene che la scatola nera sia comunque “utilizzabile”, ha spiegato il ministro nel corso di un’intervista alla radio Rtl. Cazeneuve ha aggiunto che gli investigatori sono già al lavoro per recuperare informazioni dalla scatola nera.

fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette