Published On: Mer, Apr 29th, 2015

Con cosa ripagheremo i debiti?

Share This
Tags

SAN-FOCA-BASTA-GASDOTTO-issata-la-bandiera-dItalia-in-mare

di MARCELLO VALENTINO – Su cosa si reggerà la nostra economia se non sulle spalle di noi sempre più poveri italiani? Da dove attingerà il denaro questo governo e i prossimi se ve ne saranno per far fronte all’irraggiungibile debito pubblico? Tutte le cose che faranno saranno a debito, ma chi lo pagherà mai? Saremo inghiottiti da questa voragine senza rendercene conto in ogni attimo della giornata, saremo sommersi da gabelle di ogni genere e in parlamento si discute della nuova legge elettorale, fatta o non fatta per chi. Non lasciatevi distrarre dalla politica, sarà la vostra ultima rovina, pensate a racimolare le vostre poche ultime cose e allontanatevi da questo paese senza futuro che è destinato a sprofondare in un disastro senza fondo, dove ogni cosa varrà sempre meno e tutto sarà fagocitato dalle banche e dalle multinazionali per un tozzo di pane. Dopo di che vi faranno lavorare per due centesimi e dove credete di trovare le risorse per poter sopravvivere? Questi governanti, come tutti i precedenti hanno solo pensato a loro stessi, rubando e depredando gli italiani di ogni loro bene e di fatto la situazione è quella che è. Di cosa sopravvivono oggi gli italiani? Che lavoro fanno? 

Quante persone lavorano nel pubblico e vengono pagati creando ulteriore debito ai futuri italiani? Ma fino a quando questo sistema durerà, chi comprerà le future case, chi i futuri beni e con quali soldi li pagherà? Debiti su debiti fino alla fine e la fine arriverà distruggendo tutta la nostra economia senza che nessuno, dico nessuno muoverà un dito. 

Io non sono catastrofico, lo sono i fatti. Un italiano su due vive di espedienti, un italiano su due non produce nulla, un italiano su due sta finendo le risorse accumulate dai padri, un italiano su due non ha più credito da nessuna parte, un italiano su due sta per smettere di pagare qualsiasi cosa e presto tutti se ne accorgeranno. I tribunali sono pieni di contenziosi e anche gli avvocati non vengono più pagati dai loro clienti, di questo passo dove crediamo di andare? Lo stato italiano è tecnicamente fallito e il credito che gli viene concesso è solo per la sopravvivenza, nella speranza dei creditori che i futuri italiani paghino, ma i futuri italiani con quali soldi pagheranno? 

L’Italia è una ghiotta preda  per le multinazionali per tutte le eccellenze che ha in ogni settore e che nessun governo ha mai saputo valorizzare, anzi, le ha svendute e le svenderà. 

Ora, se non vogliamo soccombere tutti ci resta una sola cosa da fare: la rivoluzione per poi ricominciare tutto da capo con la nostra moneta e la nostra indipendenza, nazionalizzare tutto per il bene del popolo italiano e dire al mondo che noi non ci stiamo a farcela mettere in quel posto da nessuno. 

Ma così non sarà perché tutti i nostri rappresentanti sono dei venduti, tutti i rappresentanti di tutti gli stati europei sono dei venduti, venduti al sistema delle banche e delle multinazionali che poi sono la stessa cosa. Siamo solo schiavi, purtroppo tutti schiavi. A meno che?

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette