Published On: Ven, Apr 3rd, 2015

La Provincia ha concluso la conta dei danni del maltempo

Share This
Tags

SP.15 al Km 39+700-Axweb

La Provincia di Parma – Servizio Viabilità ha completato la conta dei danni che si sono verificati sulle strade provinciali dopo le nevicate e le abbondanti piogge del 25 marzo scorso. Si tratta di 683 mila euro per la “somma urgenza”, cioè gli interventi di ripristino immediato da eseguire:; la cifra sale a 912 mila euro se si considerano anche i lavori già in corso dovuti alla precedente nevicata e al relativo scioglimento della neve.


E’ un bollettino di guerra, quello stilato dalla Provincia, che verrà presentato in Regione subito dopo Pasqua, per attingere ai finanziamenti della legge regionale 1/2005 (art. 10): nove strade provinciali interessate da frane in una dozzina di diverse località, in otto comuni montani.

“E’ un sistema che non regge più, il problema non sono tanto le strade, ma tutto il contorno: la mancanza di manutenzione di canali, fossi e versanti – spiega il Delegato provinciale alla Viabilità Gianpaolo Serpagli Un solo giorno di pioggia ha prodotto quasi 700 mila euro di danni, e quel che è peggio è che sono sparsi su tutto il territorio, non localizzati. I dipendenti della Provincia hanno lavorato h24, facendo anche più del dovuto, e a loro va il nostro ringraziamento. Ma non basta. Occorre programmare un intervento pluriennale forte, con finanziamenti regionali e statali, altrimenti non riusciamo più tenere le strade e il territorio. “

Un territorio ormai fragilissimo: la Provincia di Parma ha una tragica medaglia d’argento: è la seconda in Italia per i peggiori dissesti idrogeologici. Il problema dunque è la difesa del suolo, che va a compromettere pesantemente la viabilità provinciale.

La Regione ha già promesso che valuterà le richieste della Provincia di Parma, per attingere eventualmente ai fondi dell’ordinanza 232/2015 della Protezione civile nazionale relativa ai danni da neve.

Ecco il dettaglio dei danni.

  1. SP15 di Calestano – località Pioppone, Ronzano e Gallignana (Comuni di Calestano e Felino): tre differenti movimenti franosi interessano la sede stradale, su cui si circola a senso unico alternato; vi è notevole aumento dei tempi di percorrenza per raggiungere Calestano e c’è il rischio di isolamento – 287.300 euro – lavori già in corso.
  2. SP15 di Calestano in località Ravarano (Comune di Calestano): per un movimento franoso, si circola a senso unico alternato – 128 mila euro
  3. SP15 di Calestano – località Chiastre (Comune di Calestano): collassamento scarpata e banchina di valle con interessamento carreggiata al km 32+800, si circola a senso unico alternato e c’è il rischio di isolamento per la località Chiastre – 102 mila euro
  4. SP359R di Salsomaggiore e Bardi – località Scopolo (Comune di Bedonia): frana con danneggiamento di due ponti – 95 mila euro
  5. SP39 della Val Sporzana – località Braia – San Remigio (Comune di Calestano): collassamento sede stradale, si circola a senso unico alternato, con rischio di chiusura – 30 mila euro
  6. SP65 di Schia – località La Stalla (Comune di Tizzano): cedimento della carreggiata, in evoluzione, con rischio di interruzione totale; si circola a senso unico alternato; c’è il rischio di notevole aumento percorrenza per raggiungere le località Musiara e Groppo – 45 mila euro
  7. SP115 di Reno – località Isola (Comune di Tizzano): occlusione completa dell’attraversamento stradale con crepe diffuse si circola a senso unico alternato; c’è il rischio di notevole aumento percorrenza per raggiungere la località Reno – 20 mila euro
  8. SP665R Massese – località  CISONE (Comune di Tizzano): avanzamento del corpo di frana, masse in movimento , cedimento scarpata di valle, con rischio di notevole aumento percorrenza per raggiungere Monchio delle Corti e Palanzano; difficoltà per il settore produttivo dei salumifici – 10 mila euro
  9. SP30 di Pellegrino – località Vigna del Barbiere-La Guardata (Comune di Pellegrino), frana di monte con ostruzione reticolo scolante, si circola a senso unico alternato, con rischio chiusura – 35 mila euro
  10. SP28 di Varsi – località Ponte Vetrioni, (Comune di Varsi: restringimento della carreggiata per frana di valle con danneggiamento del corpo stradale – 25 mila euro
  11. SP109 di fondo valle Stirone – da km 1+900 a km 5+800, (Comune di Pellegrino), vari smottamenti con interessamento del corpo stradale – 142 mila euro
  12. SP54 delle Terme, (Comuni di Medesano e Pellegrino), vari smottamenti con interessamento fossi  e corpo stradale, si circola a senso unico alternato) 51 mila euro

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette