Published On: Ven, Apr 17th, 2015

Padre in fuga con il figlio neonato individuato a Ciudad Real

Share This
Tags

Frejus

Si starebbe dirigendo verso il Portogallo. Si è allontanato martedì con il bimbo che ha solo due settimane

Enzo Costanza, il papà in fuga col figlio di due settimane, ha fatto un pieno di carburante a Ciudad Real, nel centro della Spagna, ieri pomeriggio. E’ quanto emerso dagli accertamenti sulle carte di credito dell’uomo. Si presume, dunque, che stia viaggiando in direzione del Portogallo.

Costanza martedì si è allontanato col figlio di appena quindici giorni e avrebbe pianificato la fuga. “Domenica – ha detto la madre di bambino – Enzo è uscito per andare a fare una passeggiata ed è stato fuori quasi tutto il giorno. Quando è tornato, mi ha detto che era stato in Francia”.

Da martedì pomeriggio il piccolo è in viaggio col padre, un impiegato di 38 anni affetto da qualche disturbo per i quali era in cura da uno psichiatra. “Non è mai stato un uomo violento, con il bambino era affettuoso e protettivo. Non so che cosa gli stia passando per la testa”, ha detto la mamma del piccolo, Stefania C., ai carabinieri che da Torino coordinano le ricerche, nelle quali sono state coinvolte la gendarmeria francese e adesso pure la guardia civil spagnola. L’uomo è indagato per sottrazione di minore dalla procura subalpina, che ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Ma la priorità dei militari dell’Arma è riportare a casa, sano e salvo, il bambino. Le ricerche sono scattate martedì sera, quando la mamma ha denunciato la scomparsa di quel figlio, voluto e tanto atteso dalla coppia. “Siamo andati al supermercato di Rivalta – ha detto ai militari – sono entrata per fare un regalo al bambino, mentre Enzo e il bambino sono rimasti ad aspettarmi in auto, nel parcheggio. Quando sono tornata non c’erano più”.

Poco prima la coppia, con il neonato, era stata da Alfonso Matropietro, lo psichiatra che dal 2006 ha in cura Costanza. Il neo papà vorrebbe sospendere le cure, ma il medico gli prescrive di aumentare i dosaggi. “Era tranquillo, non immaginavo cosa sarebbe accaduto”, racconta la moglie.

“L’ho chiamato al cellulare, ma ha messo giù – spiega ai carabinieri – e poi ha spento il telefono”. L’apparecchio viene localizzato a Bardonecchia, sulle montagne torinesi, e poco dopo le telecamere di sorveglianza del traforo autostradale del Frejus immortalano il suv che attraversa il confine. Testimoni hanno riferito alla gendarmeria francese che l’uomo e il piccolo hanno trascorso la notte tra martedì e mercoledì in un albergo di Lione. Il bimbo, indosso la tutina di Snoopy, “stava bene”, hanno riferito testimoni. La fuga prosegue, fino in Spagna, dove ora si concentrano le ricerche. I familiari sono convinti che Costanza non possa fare del male al figlio.

Ma con il passare delle ore cresce la preoccupazione. Per fermarlo serve cautela, dicono i carabinieri, per evitare che possa reagire in modo imprevisto. “Ultimamente era diventato molto cattolico – raccontano alcuni conoscenti dell’uomo – E’ possibile che la sua meta sia religiosa…”.

 fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette