Published On: Mer, Apr 8th, 2015

Parma, Donadoni: “Io campione di dignità? No, faccio solo il mio lavoro”

Share This
Tags

donadoni-parma-620x400

Il tecnico dei gialloblù: “Il nostro caso è una sconfitta per il calcio intero”

Il pareggio di San Siro contro l’Inter appena conquistato. Il futuro, invece ancora da definire. Il campo da un lato, l’intricatissima situazione societaria dall’altro. In mezzo ilParma di Donadoni, timoniere di una squadra che a dispetto del fallimento del club sta onorando, sportivamente, il campionato: “Io campione di dignità?” ha detto il tecnico gialloblù a Tiki Taka. “È un’etichetta che non mi piace. Faccio semplicemente il mio lavoro”.

Cos’ho imparato da questo mese e mezzo a Parma? A Parma ci sono giocatori giovani che hanno anche difficoltà economiche. Così come tanti dipendenti, che continuano a lavorare facendo tantissimi sacrifici” ha proseguito Donadoni. “Ma qui non perdiamo solo noi, siamo tutti dei perdenti: perde il calcio, lo sport intero. Di chi la colpa a Parma? Chi comanda ha sempre le responsabilità maggiori. I tifosi meritano rispetto, ma anche tutti noi lo meritiamo. Cassano? Ognuno di noi è libero di fare le scelte che ritiene più opportune e di scegliere come farle. È chiaro che poi bisogna motivarle e dare prova di quello che si vuole fare. Se io oggi decidessi di andare via da Parma, quella sarebbe la mia deadline. Oltre quello non pretendo molto di più. Ognuno di noi sceglie di essere chi vuole, non mi permetto di sindacare. Ormai fare discorsi a ritroso non serve a nulla.

“Se penso al Milan? Vedremo, ma adesso il mio pensiero è di portare a termine questa stagione nella maniera più dignitosa possibile. Questi ragazzi hanno bisogno di farsi vedere”.

“Tutto può accadere. Ora sono arrivati anche i curatori fallimentari che perlomeno hanno dato una linea: l’importante è che venga fatta chiarezza. I curatori hanno dato una linea sicura, ed è arrivata anche una persona cristallina ed esperta come Albertini. Demetrio darà una grossa mano ai curatori, che non masticano calcio e hanno bisogno di un aiuto. Se avremo la certezza di arrivare fino al termine della stagione, vedremo se qualcuno avrà voglia di rilevare questo club glorioso”.

Che impressione mi ha fatto l’Inter? Non credo abbia espresso un gioco che rispecchi i valori di cui la squadra dispone. Noi abbiamo fatto del nostro meglio e non abbiamo rubato nulla, ma loro hanno giocato al di sotto delle loro potenzialità. Poi, ogni allenatore conosce la propria realtà: io vedo i giocatori che ha l’Inter e credo che si stiano esprimendo non al meglio, ma Mancini è dentro al gruppo e sicuramente avrà una risposta più precisa ai problemi della squadra nerazzurra. Il Napoli di Benitez? Forse ci si poteva aspettare qualcosa di più, ma fare bene a Napoli non è facilissimo.”

fonte sportmediaset

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette