Published On: Ven, Apr 10th, 2015

Strage al tribunale di Milano, 3 morti. L’attentatore Claudio Giardiello: “Volevo vendicarmi”. Alfano: “Stava per uccidere ancora”

Share This
Tags

>>>ANSA/STRAGE AL TRIBUNALE DI MILANO, IMPUTATO SPARA E UCCIDE IN AULA

Il killer era accusato di bancarotta. Tra le vittime il giudice Fernando Ciampi e un avvocato

“Un uomo sta sparando al secondo piano, chiudetevi dentro!”. Correva con le braccia alzate per richiamare l’attenzione e gridava con la paura negli occhi una giovane avvocatessa che era riuscita a salire due piani di corsa e ad arrivare al quarto, quello della Procura. Solo una delle tante immagini del terrore che ieri mattina Claudio Giardiello, immobiliarista a processo per bancarotta e poi killer per “vendetta”, ha deciso di spargere nei sette piani del Palazzo di Giustizia di Milano, dove, armato di pistola e con una “freddezza inquietante”, ha sparato tredici colpi, ammazzando tre persone, tra cui un giudice, e ferendone altre due, tra cui suo nipote.

Prima di venire arrestato a Vimercate, ad una trentina di km da Milano, dopo una fuga durata quasi un’ora. Nessuno degli avvocati, dei magistrati, dei testimoni e dei cancellieri che sono entrati nell’aula della seconda sezione penale al terzo piano avrebbero mai pensato, come le altre centinaia e centinaia di persone che ogni giorno frequentano il ‘Palazzaccio’ milanese, che avrebbero visto “così tanto sangue e l’inferno”, come ha raccontato uno di loro.

Era “pronto ad uccidere anche altre persone”, con una pistola che aveva inspiegabilmente varcato i metal detector – tutti funzionantisecondo le ultime indiscrezioni – ed ha esploso 13 colpi seminando morte al tribunale di Milano: tre morti, tra cui un avvocato e il giudice Fernando Ciampi, ucciso a colpi di pistola da un imputato all’interno della sua stanza. L’uomo che ha aperto il fuoco è Claudio Giardiello: “Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato”, ha poi detto ai carabinieri che lo hanno arrestato. Dopo essere fuggito in moto,  è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate (Monza e Brianza). L’uomo, fermato in un centro commerciale, ha avuto un malore ed è stato trasportato via in ambulanza. Prima di uccidere, Claudio Giardiello sarebbe entrato mostrando un falso tesserino da un ingresso laterale del Palazzo e dalla porta riservata all’accesso di magistrati, avvocati e cronisti.

fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette