Combo cooperante

Con un attacco ben orchestrato e diretto contro gli stranieri, i talebani sono riusciti nuovamente a colpire la zona più protetta di Kabul uccidendo 14 persone, tra cui un italiano, e sollevando ancora una volta pesanti incognite sulla sicurezza dell’Afghanistan nell’anno in cui la coalizione internazionale si appresta a partire dopo 13 anni di conflitto. Nel feroce attentato alla guest house Park Palace Hotel, nell’enclave diplomatica della capitale, durato oltre cinque ore, hanno perso la vita Alessandro Abati, 48 anni e la compagna di origini kazake Aigerim Abdulayeva, 27 anni. Abati, bergamasco di Alzano Lombardo, faceva il consulente per prodotti infrastrutturali e, in particolare negli ultimi anni, era impegnato soprattutto con l’estero. Era titolare della società ‘M&J Consulting’, che si occupa di favorire rapporti tra pubblico e privato appunto nei progetti infrastrutturali. Insieme a loro sono morti altri 8 stranieri: quattro indiani, due pachistani, un americano e un britannico con la doppia nazionalità afghana. Tra le vittime afghane ci sono anche due cooperanti della ong ActionAid. Sei altre persone sono rimaste ferite. Secondo la ricostruzione della polizia, un commando armato ha fatto irruzione intorno alle 21 ora locale nel ristorante dove si trovava un folto gruppo di persone per un concerto. La guesthouse, che sorge nei pressi del compound delle Nazioni Unite, ospitava circa 100 clienti, tra cui molti cooperanti indiani. Durante l’assedio si sono udite esplosioni e raffiche di mitragliatori. Ma la dinamica dell’attacco non è ancora chiara. Le forze di sicurezza afghane sono riuscite a trarre in salvo 54 ostaggi, tra cui 45 stranieri.

La crisi è terminata stamane all’alba (14 maggio, ndr) con l’uccisione di tre terroristi. Ma solo dopo diverse ore è emerso l’esatto bilancio delle vittime e la loro nazionalità. In una email in lingua pashto, il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha detto che il gruppo ha preso di mira il residence perché frequentato da stranieri, tra cui americani. Nella rivendicazione, ha però precisato che “un attentatore suicida della provincia di Logar ha attaccato la guesthouse”, contraddicendo la versione delle autorità afghane. Ma secondo fonti indiane, l’obiettivo sarebbe stato l’ambasciatore di New Delhi, Amar Sinha, che avrebbe dovuto partecipare all’evento culturale. L’attacco ricorda quello del marzo del 2014 quando i talebani entrarono nell’hotel a cinque stelle Serena durante una celebrazione e fecero strage di nove persone, tra cui quattro stranieri. Due mesi prima, invece, un altro massacro in un popolare ristorante libanese causò 21 morti, il bilancio più sanguinoso dall’invasione americana. La morte del cooperante italiano ha sollevato un coro di voci di cordoglio e anche polemiche sulla presenza delle truppe italiane in zone a rischio sollevate da Lega Nord e M5S. “Ogni attacco di questo tipo – ha detto il sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano – è un attacco alla comunità internazionale che deve rimanere saldamente unita e coadiuvare l’azione della Nato, il cui obiettivo in Afghanistan è proprio quello di prevenzione e lotta al terrorismo internazionale”. Gli ha fatto eco Fabrizio Cicchitto, presidente della Commissioni Esteri della Camera, secondo il quale “se ogni qualvolta che un attacco terrorista miete vittime la conseguenza dovesse essere la ritirata delle forze militari o anche dei civili dalla località oggetto dell’attacco terrorista ciò significherebbe una resa senza condizioni ad esso”. L’attentato è stato condannato dalla Missione dell’Onu per l’assistenza all’Afghanistan (Unama) e dalla Ue. “Vili atti come questo – si legge in un comunicato dell’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini – non intaccano la nostra determinazione a continuare a lavorare col popolo ed il governo afghano per un futuro migliore”. Da notare infine che l’attacco giunge all’indomani della visita a Kabul del primo ministro pachistano Nawaz Sharif che ha assicurato pieno supporto nella lotta contro il terrorismo islamico. Dopo anni di tensione, c’è disgelo tra i due Paesi che si sono sempre accusati a vicenda di dare rifugio ai jihadisti.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: