fuguSempre, mettendoci seduti a tavola e guardando il cibo, compiamo l’operazione, in automatico, di decidere se stiamo per mangiare qualcosa che ci piacerà o no. Abbiamo una memoria sensoriale molto capiente, infatti, capace di ricordarci all’istante sensazioni positive o negative legate alla nostra capacità di alimentarci.

E poi ci sono cibi conosciuti al gusto universalmente come ottimi ed altri universalmente conosciuti come terribili. In questo articolo voglio però essere un tantino tradizionalista (sarà l’apertura dell’Expo che ci deve rendere orgogliosi del regime alimentare italiano) e vi racconterò il meglio dal nostro Paese e il peggio dal resto del mondo.

Il meglio è naturalmente rappresentato dalla ricchezza dei prodotti tipici: parmigiano reggiano, pesto genovese, pasta, aceto balsamico, mozzarella di bufala, pizza e mortadella bolognese ne sono solo esempi macroscopici. Il mio invito è però rivolto anche alla scoperta della tradizione locale e familiare: cucinate e fate conoscere le ricette della mamma e della nonna, coltivate l’orto, tenete sul balcone vasetti di erbette, chiedete ai vostri vicini di fare lo stesso e scambiatevi consigli, semi e ingredienti…solo in questo modo le bontà vere e genuine continueranno a circolare.

Il peggio è più difficile da definire in quanto, a volte, ciò che consideriamo terribile, è semplicemente sconosciuto…magari provandolo può anche piacerci. La rivista Gourmet ha comunque elencato i cibi più spaventosi del mondo…per ora fidiamoci del loro parere di esperti, poi magari mi farete sapere. Si tratta di: pipistrello grigliato (privato solo di ali e testa – ma esclusivamente per la ridotta quantità di carne -, completo di ossa e cucinato in Indonesia, Thailandia e Vietnam), black pudding (non stupitevi: è solo il nome usato in Bretagna, Irlanda, Francia e Germania del budino che noi conosciamo come “sanguinaccio”) e maiale della Guinea al forno. Il sito Lifebuzz invece ha fatto un giro nei supermercati e ha trovato confezioni di: cavallette bacon e formaggio, gelato al gusto fish & chips, chewing gum al foie gras e hot dog di pancake con gocce di cioccolato. Su questi alimenti ho certamente dei dubbi, ma di una cosa sono certa: peggio di questi ci sono solo materie prime buone conservate e cucinate male…

Sul bere almeno possiamo stare tranquilli??? Forse…o forse no. Lo scopriremo alla prossima puntata.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: