sergio_mattarella-744x445

di MARCELLO VALENTINO – Mattarella dà il suo buon esempio rinunciando alla super pensione, ora: tutti parlamentari e non che percepiscono pensioni spropositate perché non lo imitano? 

Il primo dovrebbe essere il presidente del consiglio e quelli delle camere, poi tutti gli altri compreso i giudici e i manager superpagati, forse cosi si arriverà a quello che mi sono sempre auspicato, il dimezzamento dei costi della casta, in maniera volontaria, anche se non è così che dovrebbe essere perché in questo modo sembra che lor signori facciano rinuncia mentre invece la realtà è che non vogliono rinunciare a nulla, ma se sarà così tanto meglio.

Comunque nutro dei forti dubbi che accadrà, non lo ha fatto Napolitano anche se avrebbe dovuto da buon vecchio vecchissimo comunista, ma si sa i comunisti sono i peggiori, piuttosto sperperano in maglioncini di cashmere. 

Ma il problema è oltre questo, cosa ne faranno di tutti questi soldi e come fanno a vivere tranquilli dopo aver creato questo enorme divario sociale? Come possono pretendere che tantissimi cittadini che vivono con un modesto stipendio o di una piccola pensione, che viene sempre miseramente ritoccata al ribasso possano andare nelle urne e dare loro il voto, dare il voto ai propri aguzzini. 

Questo è il motivo, uno dei motivi principali della moria del voto, non esiste equità nella gestione delle risorse e questo ormai lo hanno capito tutti. Quindi se vogliono i politici riprendersi quel poco di credibilità ormai svanita devono per forza darsi una mossa e come ha fatto Mattarella “darsi una sforbiciata” ai loro emolumenti, tanto non moriranno certo di fame o di sete. Pensare che gente che ha fatto solo il male degli italiani gode di privilegi assurdi come stipendi d’oro, scorte e benefici di ogni genere, fa rivoltare lo stomaco anche a chi digerisce i sassi, figurarsi a chi mangia solo quelli. E allora, caro Ronzino, “caro nell’altro senso”, datti una mossa, segui il buon esempio e proponi una seria legge per dimezzare a tutti quelli che guadagnano da 8mila euro  al mese in su il dimezzamento dello stesso, perché c’è la stragrande maggioranza degli italiani che si o no arriva a 800 euro al mese, da buon intenditor, non occorrono altre parole. 

NB. Comunque per chiarezza il Mattarella non ha rinunciato alla superpensione, è stato costretto per legge, l’articolo 23 del salva Monti dice che non si possono superare 311 mila euro di compenso ad accumulo, il Mattarella li avrebbe superati con i due emolumenti e quindi rinuncia forzata, fatta passare come rinuncia volontaria. A presidè ti ci metti anche tu!!! Vabbè ho scherzato, i giornalisti non ne dicono mai una giusta.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: