marco_bosi_2

Dall’Olio: “La verità sul debito consolidato del Comune di Parma”
I dati dell’Università smentiscono quanto raccontato da Pizzarotti

Con la presentazione in commissione consiliare del bilancio consolidato del Comune di Parma per gli anni 2012 e 2013 è finalmente venuta a galla la verità sulla riduzione del debito. Il bilancio consolidato, un documento contabile complesso elaborato dall’Università di Parma, considera congiuntamente il bilancio del Comune e quello delle principali società partecipate su cui il Comune ha un controllo diretto.

Dal raffronto tra gli anni 2012 e 2013 emerge che il debito complessivo del “gruppo Comune di Parma” è passato da 573 milioni di € a 528 con una riduzione di 45 milioni pari al 7,8%. Un – 7,8% dovuto quasi esclusivamente alla riduzione del debito verso fornitori del Comune reso possibile dalla creazione di appositi spazi finanziari da parte del governo. Niente quindi di strutturale che possa essere ricondotto ad un’azione specifica dell’amministrazione Pizzarotti.

La cifra del 40% sbandierata dal sindaco sui media nazionali e inserita con grande sprezzo della verità nella relazione di metà mandato era quindi una balla, come abbiamo sempre denunciato, costruita ad arte confrontando mele (l’elenco debiti di Ciclosi) con pere (il consolidato) e computando cose che non vanno certo a merito di questa amministrazione e che giustamente l’Università non ha considerato: la vendita, per non dire la svendita, di STU Pasubio, decisa dal commissario Ciclosi nell’ultimo giorno del suo mandato; il fallimento della SPIP che ne ha cancellato sì i debiti (più di 100 milioni di euro), ma anche il patrimonio, lasciando il Comune a rischio di rispondere in solido ai creditori. Un fallimento avvenuto nel 2013 di cui c’è solo da preoccuparsi, altro che vantarsi come fa il capogruppo 5 stelle Bosi.

Dagli Stati Uniti Pizzarotti predica ai nuovi sindaci 5 stelle di avere a cuore soprattutto l’onestà intellettuale. Mi permetto di suggerire a quei sindaci di non prenderlo ad esempio. Chi è onesto intellettualmente non racconta balle ai cittadini per cercare visibilità sul palcoscenico nazionale.

Nicola Dall’Olio

 

Bosi: Comunicato in risposta a Dall’Olio

Il Consigliere Dall’Olio tenta ancora una volta di giocare coi numeri per raccontare che sul bilancio non si è ottenuto poi un gran risultato in questi 3 anni di mandato. Prima di dare qualche cifra però mi chiedo: ma se oggi a detta di tutti (revisori compresi) il Comune di Parma è fuori da ogni rischio di fallimento, come mai a fine 2012 il PD ha presentato una mozione che chiedeva di attivare la procedura di pre-dissesto, visto che a loro modo di vedere non c’era più nulla da fare? Come mai il loro candidato Bernazzoli in campagna elettorale sosteneva che la situazione era così critica da mettere in dubbio il pagamento degli stipendi dei dipendenti?

Basterebbe questo per dimostrare che il Nicola Dall’Olio e il suo gruppo consiliare girano la situazione a seconda di come fa comodo. Se non è stato fatto nulla di strutturale, come afferma nel suo comunicato, saremmo ancora sull’orlo del baratro. O mentivano nel 2012 per indurci a lasciar franare la città verso il dissesto?

La verità è molto semplice: i debiti di tutte le società in cui aveva partecipazioni il comune a gennaio 2012 erano 875 milioni di euro. Il consolidato a cui fa riferimento Dall’Olio invece conta solo le 12 a maggioranza assoluta, circa un terzo del totale. Inoltre quel consolidato parte dal 31/12/12, non contando un intero anno di attività di cui 5 mesi di commissario e 7 di questa giunta. Cita, giustamente, SPIP e STU Pasubio. Per anni il PD ha opposizione dicendo che era operazioni pericolose che avrebbero pesato sul Comune e ora sostiene che non vadano considerate nella riduzione del debito? Sono state ridotte le partecipate, altre portate a pareggio, eppure questo faceva parte anche del programma del PD. A questo punto la domanda sorge spontanea: ma l’obiettivo del PD a Parma è lavorare per il bene della città riconoscendo ciò che di buono è stato fatto, o dimostrare a tutti i costi che Pizzarotti è la causa di tutti i mali, nella speranza di non prendere l’ennesima sberla alle prossime elezioni?

Marco Bosi

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: