b904bc9a5556631c7a0f6a706700fe03-019-kRkF-U43090964676406y2G-593x443@Corriere-Web-Sezioni

Nella sessione del pomeriggio, Pedrosa davanti tutti con il nuovo record della pista
Ma in quella del mattino Valentino aveva ottenuto il miglior tempo

Il primo giorno di prove libere del MotoGp di Olanda ad Assen riserve delle novità molto interessanti in vista delle qualifiche di venerdì e della gara di sabato. Le Honda tornano a svettare con Dani Pedrosa che passa davanti a tutti con il nuovo record della pista, precedendo anche il campione del mondo Marc Marquez.

Nuovo telaio per la Honda

La Yamaha risponde ma non con il vincitore delle ultime quattro gare Jorge Lorenzo, bensì con Valentino Rossi che, questa volta, risulta più in palla del compagno. Con una temperatura vicina ai 40 gradi, fatto abbastanza inconsueto da queste parti, i piloti hanno montato le gomme morbide, e hanno inscenato con 24 ore d’anticipo quanto avverrà nella Q2 del pomeriggio di venerdì che designerà la griglia di partenza dell’ottavo gara della stagione. Con il suo 1’33”450 Pedrosa è sceso di un secondo sotto la migliore prestazione che già gli apparteneva dal 2012, lasciando a 139 millesimi il compagno di squadra Marquez. Honda che prepotentemente ritornano in lizza per pole e vittoria, dunque, ma la Yamaha non sta a guardare e si presenta ad Assen con il nuovo telaio. Jorge Lorenzo l’ha utilizzato su entrambe le M1 a sue disposizione, mentre Valentino Rossi dopo aver usato quello precedente al mattino, ha decisamente puntato su quello nuovo nel pomeriggio. Il pesarese, il più veloce nella prima sessione, si è ben difeso anche in quella pomeridiana, accusando solo due decimi da Pedrosa e 63 millesimi da Marquez.

Lorenzo sesto: «La moto non mi dà fiducia ma sono soddisfatto»

Meno soddisfatto, invece, Lorenzo che non è riuscito ad avere lo stesso feeling del compagno di squadra ed è ancora alla ricerca del migliore set-up in vista di qualifiche e soprattutto della gara. Il vincitore delle ultime quattro gare è solo sesto a 291 millesimi dal best lap giornaliero, e davanti si trova anche la Ducati di Andrea Iannone, quarto (a 0”249) e la Honda «sat» del team Lcr di Cal Crutchlow (0”284). Più lento di un decimo, dietro Lorenzo, troviamo Andrea Dovizioso che è riuscito a risolvere alcuni dei problemi che lo avevano rallentato al mattino. La GP15, infatti, non aveva mai girato su questa pista e deve trovare il giusto setting in vista di sabato. «E’ stato un inizio di fine settimana difficile perché per il momento non mi trovo bene come è accaduto nelle ultime quattro gare, dobbiamo fare tante cose». E’ un Jorge Lorenzo perplesso quello intervistato da «Sky Sport» al termine delle prove «La moto non mi dà fiducia e dobbiamo lavorare -prosegue Lorenzo-, sono ottimista sul fatto che troveremo qualcosa per andare più veloce domani. Speriamo che non piova altrimenti non avremo il tempo per provare. Qui le Honda stanno dimostrando di andare molto veloce, saranno rivali molto duri per sabato».

Vale: «Abbiamo trovato soluzione interessanti»

Per Vale «è stato un buon giovedì di prove. Sono felice perché abbiamo lavorato bene durante la sessione e abbiamo trovato delle soluzioni interessanti». «La priorità, oggi, era di capire quale telaio preferissimo, quello nuovo o quello vecchio -dichiara il “Dottore”- ho trovato feeling con quello nuovo. Il mio passo e i tempi sul giro sono stati particolarmente buoni questa mattina quando ero in testa, ma anche nel pomeriggio». Il pilota di Tavullia sa che, dopo quattro vittorie consecutive del suo rivale Jorge Lorenzo, non può più sbagliare, ma si rende anche conto che le premesse sono ottime. «Piazzarsi terzo è una gran bella prova, perché i primi cinque-sette piloti sono molto vicini a livello di tempi -afferma Rossi- è un buon modo per iniziare il weekend ma abbiamo ancora tanto da fare».

fonte corriere

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: