Image1

Sport, musica, spettacoli, incontri: in una parola “Oltremondi” (ex festival Tuttimondi), il festival contro ogni forma di discriminazione di genere, orientamento sessuale, disabilità ed etnia, che si svolge dal 10 al 21 giugno 2015 a Parma e provincia.

La manifestazione, organizzata da una rete di 11 associazioni partner di cui “Tuttimondi” asdps è capofila, torna per il secondo anno consecutivo con un ricco programma di iniziative ed eventi, legati da un unico filo conduttore, “Il festival senza frontiere”: frontiere da abbattere, sulle discriminazioni per etnia, identità, genere e disabilità, nella società civile e primariamente nello sport.

“Siamo stati lieti – ha esordito la Vicesindaco, con delega all’Associazionismo, Nicoletta Paci – di dare il patrocinio anche quest’anno ad una manifestazione che, con un programma ricco e variegato, è in grado di sensibilizzare i cittadini sulla tematica delle discriminazioni di ogni genere e si inserisce nell’ottica di superarle propria di tante iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale”.

Nell’anno di Expo, inoltre, un’attenzione particolare sarà dedicata, come ha sottolineato Martina Berto del comitato organizzativo Oltremondi 2015, alla discriminazione economica collegata all’accesso al cibo e alla sovranità alimentare: un tema di stretta attualità, se si considera che oltre un miliardo di persone, circa un sesto dell’intera popolazione mondiale, sono oggi sottonutrite (dati: FAO).

Simbolo dell’edizione 2015 di Oltremondi sarà l’albero contro le discriminazioni, realizzato da un giovane studente di Parma su una tela di 1m x 80 cm. Per tutta la durata del festival, l’albero potrà essere arricchito dai partecipanti con delle foglie speciali, post-it dove lasciare contributi e idee, o raccontare episodi di discriminazione subiti o a cui si ha assistito. L’ultimo giorno del festival, l’albero verrà distrutto per lasciare spazio ad un albero reale, l’albero dell’intercultura e dell’inclusione sociale, che sarà piantato domenica 21 giugno al Centro sportivo di Sorbolo, dove si svolgerà la “Oltremondi Cup”.

Il progetto da finanziare

Per tutta la durata del festival sarà attiva una raccolta fondi per finanziare un progetto specifico adottato dal Oltremondi, come avvenuto nell’edizione 2014 con il finanziamento per la realizzazione di una casa d’accoglienza a Modena per i richiedenti asilo a motivo di discriminazioni dovute all’orientamento sessuale.

Quest’anno la raccolta fondi avrà come finalità il reperimento di risorse per un progetto sportivo nel campo profughi saharawi di Smara. L’obiettivo è consentire alle bambine e alle ragazze del campo di giocare a calcio, fornendo loro le attrezzature e il sostegno necessario. La squadra di calcio del campo di Smara, in Algeria, è ideata e gestita direttamente da educatrici sportive locali, con lo scopo di aumentare la parità di genere nell’accesso al diritto allo sport, favorendo altresì la socializzazione e la prevenzione e la cura della salute.

Il programma completo è sul sito del comune

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: