C_29_articolo_1067221_upiImgPrincipaleOriz

Finisce 2-2 a Marassi, nel giorno dell’addio di Mihajlovic i blucerchiati centrano il settimo posto che può valere l’Europa League

Sinisa Mihajlovic dice addio allaSampdoria con un pareggio che può valere l’Europa League. In attesa del ricorso dei cugini del Genoa per la licenza Uefa, i blucerchiati pareggiano 2-2 nell’ultimo turno di campionato contro il già retrocesso Parma e centrano la settima posizione a quota 56 punti: a Marassi doppio vantaggio dei padroni di casa conRomagnoli De Silvestri, ripresi prima da Palladino e nel finale da Varela.

LA PARTITA

Gara ricca di emozioni al Ferraris, con il pubblico di fede blucerchiata che si congeda dalla squadra riempiendo lo stadio. Passano appena due minuti e Soriano cerca la porta con il destro a giro, ma la palla finisce sul fondo. I primi minuti vedono i padroni di casa in pieno possesso della gara, soprattutto a centrocampo. Al 10′ Eto’o scalda le mani a Mirante con un preciso sinistro dal limite; al pallone manca forza e il portiere riesce a bloccare. Al 14′ è sempre il camerunense a piazzarla con il destro ma manca sempre la forza e il portiere blocca. Nell’azione successiva Nocerino cerca la porta con un potente tiro dai 25 metri: il pallone finisce poco lontano dal palo. Dopo succede poco, con le due formazioni che trovano un equilibrio duraturo. Alla mezz’ora è ancora Nocerino che si divora la rete del possibile 1-0, con un pigro colpo di testa. Nell’azione successiva sempre l’ex Milan va in porta di testa ma, questa volta, è Viviano ad effettuare una grande parata sulla linea; sul prosieguo dell’azione Josè Mauri sfodera una botta potentissima da fuori area ma la traversa gli nega la gioia del gol. Al 34′ Varela spreca un ottimo contropiede, perdendo il tempo per calciare in porta dopo essere stato servito con un perfetto filtrante da Palladino. Al 44′ Eto’o lancia Duncan con un perfetto assist in area ma il centrocampista, anziché cercare il piazzato, ci mette tutta la forza che ha e la palla finisce direttamente in curva.

Eto’o è l’unico che cerca di far giocare i suoi ma i compagni non sembrano stargli dietro e le occasioni sfumano con estrema facilità. Al 53′ è la Sampdoria a sbloccare la gara con un colpo di testa vincente di Romagnoli sul cross di Duncan, dopo una bella azione corale di tutta la formazione. Al 55′ ci prova ancora Eto’o ma Mirante riesce a bloccare. Al 65′ Correa piazza con il destro a giro ma il portiere non ha grandi problemi a fermare il pallone in due tempi. Al 68′ Feddal va in porta con un siluro dai 35 metri: la palla esce sfiorando l’incrocio. Al 71′ Mirante lascia il posto a Iacobucci a causa di un problema rimediato in uno scontro con Muriel. Al 74′ Palladino si inventa una super giocata, superando due difensori blucerchiati e scavalcando Viviano con un delizioso colpo sotto per il provvisorio 1-1. Passano appena 4 minuti e De Silvestri, dopo la traversa di Correa sugli sviluppi di un corner, si ritrova sui piedi il pallone del 2-1 e da due passi non sbaglia. All’88’ però il risultato cambia nuovamente, con la grande rete di Varela che trova l’angolino basso con una potente botta di controbalzo dal limite e fissa il definitivo 2-2. Splendida la gara finale del Parma, che ci mette cuore e grinta (come spesso accaduto in stagione) ed ora aspetta di conoscere il futuro; attende con ansia anche la Sampdoria, che saluta Mihajlovic e pregusta la partecipazione alla prossima Europa League.

LE PAGELLE

De Silvestri 6,5 Ottima la sua gara, con continue cavalcate sulla corsia di destra. Quando si fa vedere in fase offensiva, riesce a rendersi quasi sempre pericoloso. Sigla la rete del momentaneo 2-1 blucerchiato.

Mauri 5 Al 31′ colpisce la traversa con una potentissima botta da fuori area. Dopo però si eclissa e sparisce letteralmente dal campo.

Eto’o 6 E’ uno dei più pericolosi tra i suoi, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa fa girare la squadra grazie ai suoi palloni filtranti. Spesso però i compagni non lo capiscono.

Palladino 6,5 Autore di una super giocata e di un gol magnifico. Riesce a far girare bene i suoi compagni in fase offensiva e chiude al meglio una stagione travagliata.

Muriel 4 Completamente negativo il suo primo tempo. Non riesce mai a rendersi pericoloso. Mihajlovic lo richiama in panchina al 75’ dopo una prestazione da dimenticare. Fantasma

IL TABELLINO

SAMPDORIA-PARMA 2-2
SAMPDORIA (4-3-1-2):
 Viviano 6,5; De Silvestri 6,5, Romagnoli 6,5, Silvestre 6, Regini 6; Acquah 5, Duncan 6,5 (86′ Palombo sv), Obiang 6; Soriano 5; Eto’o 6, Muriel 4 (75′ Bergessio 5). A disp.: Romero, Cacciatore, Coda, Munoz, Marchionni, Rizzo, Wszolek, Djordjevic, Okaka. All.: Mihajlovic 6.
PARMA (4-5-1): Mirante 6 (71′ Iacobucci 6); Cassani 5,5, Feddal 6, Lucarelli 6, Gobbi 6; Jorquera 5, Mauri 5 (81′ Mariga sv), Nocerino 5,5; Lila 5,5 (57′ Ghezzal 4), Varela 6; Palladino 6,5. A disp.: Bertozzi, Costa, Esposito, Mendes, Prestia, Broh Tonye, Galloppa, Coda, Haraslin. All.: Donadoni 6,5.
ARBITRO: Davide Massa.
MARCATORI: 53′ Romagnoli (S); 74′ Palladino (P), 78′ De Silvestri (S), 87′ Varela (P).
Ammonito: Jorquera (P)

fonte sportmediaset

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: