image012.1b8169f2d1678e209e1d8934908675b8

di MARCELLO VALENTINO – Chissà se Ubaldi dall’alto o dal basso dei cieli si è mai pentito dei debiti che ha lasciato sul groppone dei parmigiani e quei parmigiani che hanno contribuito a realizzare tutte quelle opere inutili.

Alla loro coscienza la risposta che di certo non hanno avuto e non hanno.

Amore per la propria città: è amore per la propria città permettere a dei politici scellerati di costruire un inceneritore a pochi passi dalla Barilla, una delle più grandi industrie italiane di prodotti alimentari, di chi la colpa, di Ubaldi? Di Bernazzoli? O anche un po’ dei Barilla? E la Gazzetta di Parma quale battaglia ha fatto contro l’inceneritore? Sono sicuro che nei manicomi c’è gente molto più sana.

Era amore quello che Pizzarotti Sindaco proclamava per la sua città quando si candidava? E dopo essere stato eletto lo ha messo in pratica? Guardatevi intorno, l’inceneritore è li che sbuffa insieme al fumo la diossina che tutti noi volente o nolente dobbiamo respirare. Che amore!

E stato il Cavallo di battaglia di un Sindaco che non sa più che pesci pigliare.

E’ amore la soluzione del debito pubblico ereditato? Una delle battaglie che il Movimento 5 Stelle e il loro capo hanno sempre portato avanti era quella del signoraggio e della guerra alle banche, risultato: qui a Parma ci si accorda con le banche per il debito pubblico senza far nulla, tanto pagano i parmigiani, che amore! E il regalo fatto a Ghirardi, che amore! Ora dico, questi argomenti trattati così sembrano anche “leggeri”, forse è così che la pensa il Sindaco, ma la pensano così anche i parmigiani?

Siamo prossimi alle vacanze, Zerosette va in ferie per un mese circa, ci ritroveremo a settembre, intanto lasciamo la città per una boccata di aria pura, in senso lato, lasciamo qui l’inceneritore che dovrebbe bruciare solo i nostri rifiuti…… ma anche una città sporca, molto sporca, non lo dico io, basta andare in giro, ma non voglio fare quello che fanno tutti, sparare sulla croce rossa, no, io vi esorto a pensare un po’, è così che amate la vostra città? è questo l’amore che provate per i vostri concittadini? O amate solo voi stessi il vostro lauto stipendio e il vostro posto di lavoro che certamente comportandovi cosi, non meritate. Qual è il datore di lavoro che vi terrebbe a lavorare con questi risultati?

La vergogna è scappata in cantina, prima o poi qualcuno la troverà. Vi sembra di avervi detto cose vecchie a cui più nessuno fa caso? Ma guardatevi intorno signori miei, e adesso, cosa vedete?

Buone vacanze, nella speranza che quando tornate, scopriate un po’ di amore per la vostra città e non continuerete a fotterla e basta. Non è mica una puttana…o sì?

E allora i parmigiani cosa sono?

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: