Eurozone leaders' meeting

Eurozona, vertice in corso da oltre 15 ore. Tsipras tiene duro su Fmi e fondo fiduciario

“Accordo raggiunto all’unanimità sulla Grecia e i creditori”. Dopo 17 ore di negoziato, in quello che passerà alla storia come il vertice dei capi di Stato europei più lungo, è stata evitata la Grexit.
Tutti i protagonisti della maratona hanno espresso la loro soddisfazione.
La cancelliera Merkel: “Sulla Grecia è stato approvato il piano A e non c’è nessun bisogno di un piano B”. Il premier greco Tsipras: “Abbiamo lottato duro a Bruxelles, ora lo faremo in Grecia”. “Non credo sia un accordo umiliante per i greci, e non credo che altri europei perderanno la faccia”:  ha detto il presidente della Commissione Ue Juncker. “Una rottura sarebbe stata insensata e nella notte si è rischiata la Grexit“, ha sottolineato il premier Renzi.
Le borse e i mercati corrono, dopo mesi di preoccupazione. Anche lo spread Btp-Bund festeggia e precipita.

Eurosummit trova accordo, Grexit evitata
 – L’Eurozona raggiunge un accordo ed evita la Grexit. Dopo una maratona negoziale di 17 ore, i leader trovano il modo di raggiungere un’intesa sul terzo salvataggio della Grecia, che nella notte sembrava impossibile. Ma, alla fine, la volontà di tenere unita Eurolandia ha prevalso, anche se l’ok ad aprire il negoziato sugli 82-86 miliardi di euro di aiuti Esm è pieno di condizioni, non è ancora definitivo, e l’ultima parola arriverà a fine settimana. Per ricostruire la fiducia, completamente minata dopo il referendum, l’Eurozona ha chiesto ad Atene di dare prova di responsabilità ed approvare alcune riforme entro mercoledì, tra cui pensioni, Iva, adozione del Codice di Procedura Civile, direttiva sul salvataggio delle banche. Mercoledì un nuovo Eurogruppo si riunirà per valutare l’impegno di Atene. Nel frattempo, quei Paesi che devono sottoporre l’accordo ai loro Parlamenti convocheranno i deputati, ed entro la fine della settimana si dovrebbe arrivare al via libera definitivo. Le condizioni dell’accordo sono dure, ma il presidente della Commissione Jean Claude Juncker dice che “non ci sono né vincitori né vinti” e l’accordo non è “né umiliate per i greci, e né gli altri europei perderanno la faccia, è un tipico accordo europeo”. Questo anche grazie al grande lavoro negoziale fatto nella notte, che ha cambiato molto il documento approdato sul tavolo dell’Eurosummit, redatto dall’Eurogruppo. Nella notte Tsipras aveva accettato tutte le condizioni, dall’anticipo delle riforme al rafforzamento di tutte le misure, incluso il reintegro dei licenziamenti collettivi e il ritorno della Troika ad Atene. Alla fine, aveva anche ceduto sul coinvolgimento del Fmi nel nuovo piano. Ma resisteva sull’idea, tedesca, di creare un fondo dove trasferire asset dello stato a garanzia del debito, in Lussemburgo. “Sono stato deciso nel dire che se vuoi fare un fondo con i beni che vengono dalla Grecia non puoi pensare di metterlo in Lussemburgo perchè sarebbe stata un’umiliazione”, ha detto il premier Renzi. Il fondo resta, ma avrà base in Grecia, avrà una dotazione fino a 50 miliardi, andrà ad abbattere il debito e servirà a ricapitalizzare le banche. Ma sarà gestito dai greci, in collaborazione con le istituzioni. Tsipras è soddisfatto anche del risultato sul debito: gli concedono di rivederne la sostenibilità una volta che saranno attuate tutte le misure.

Tsipras si toglie la giacca, prendete anche questa!  – In uno dei momenti più duri del negoziato, nella notte, all’Eurosummit il premier greco Alexis Tsipras si è tolto la giacca e porgendola ha detto: “Prendete anche questa!”. Lo riferiscono fonti di Bruxelles.

Finalmente è arrivato l’accordo. Il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk: ‘Sulla Grecia accordo all’unanimità, pronti per Esm’. “L’accordo è stato raggiunto all’unanimità, tutto pronto per andare a programma Esm con riforme serie e sostegno finanziario”: così il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk su twitter.

Dopo 17 ore di negoziato abbiamo raggiunto un accordo per avviare negoziati sugli aiuti Esm con rigide condizioni”: lo ha detto il presidente Tusk, precisando che ora i ministri delle finanze dovranno decidere “con urgenza come aiutare la Grecia con un finanziamento ponte”.

Riunione consiglio direttivo su liquidità emergenza  – E’ attesa per oggi la riunione in teleconferenza del consiglio direttivo della Bce per decidere sull’ammontare della liquidità di emergenza (Ela) per le banche greche, fermo da due settimane a 89 miliardi. L’accordo sulla Grecia potrebbe sbloccare l’aumento del tetto, come avrebbe richiesto il Governo di Atene nei giorni scorsi, anche se al momento non c’è ancora niente di certo. Le ipotesi di mercato sono di un aumento del tetto fra 1 e 2 miliardi di euro.

Boldrini, battuta linea di chi la voleva fuori  – “Esprimo soddisfazione per l’accordo raggiunto, approvato all’unanimità, anche perché non è passata la linea di chi voleva fare uscire la Grecia. Adesso c’è da capire se il popolo greco sarà in grado di sostenerlo”. Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, a margine di una visita in Abruzzo.

 fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: