Banche-Cofi-contro-l’anatocismo-e-gli-indebiti-bancari

Avrebbe commesso numerose violazioni sul conto corrente di una società barese. Per questa ragione Banca Antonveneta, di recente assorbita in Monte dei Paschi di Siena, è stata condannata dal Tribunale di Bari a risarcire l’azienda per 58mila euro con la maggiorazione di interessi per oltre 12mila euro.

Lo rende noto l’Adusbef, ‘Associazione difesa utenti servizi bancari finanziari postali assicurativi’. L’accusa per l’istituto di credito è di anatocismo bancario, con riferimento alla illegittima applicazione della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi, illegittima applicazione delle commissioni di massimo scoperto, mancata pattuizione del tasso degli interessi passivi.

La vicenda processuale ha inizio nel 2005, quando la società ha deciso di far verificare dal Tribunale di Bari la correttezza del comportamento della banca, e si è conclusa dopo oltre 10 anni, con la sentenza depositata nel luglio del 2015 nella quale il giudice Rosanna Angarano ha riconosciuto le violazioni dando ragione all’azienda. “Dopo tanto battagliare, giustizia è fatta – ha dichiarato l’avvocato Massimo Melpignano, vicepresidente Adusbef per la Puglia e legale della società contro la banca – E’ sempre emozionante consegnare l’assegno che stacca la banca, frutto della restituzione del maltolto, ad un cittadino, ad un consumatore, ad una azienda.

Ma quante aziende, quanti consumatori sono costretti ogni giorno a difendersi da male pratiche bancarie, da interessi anatocistici o usurai?”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: