Pena morte: appello Papa per fermare boia in Georgia

Georgia respinge l’appello di Francesco, la 47enne sarà uccisa

Kelly Renee Gissendaner sarà giustiziata. La commissione di libertà vigilata della Georgia incaricata di esaminare il caso ha respinto per la seconda volta il suo appello confermando che la donna, condannata a morte per l’omicidio del marito, sarà giustiziata con un’iniezione letale. Anche il Papa aveva lanciato un appello per salvarla.

Appello Papa per fermare boia in Georgia – Papa Francesco ha lanciato un appello a una commissione della Georgia incaricata di riesaminare il caso di Kelly Renee Gissendaner, 47 anni, la cui esecuzione e’ prevista in serata in Georgia per chiedere di risparmiarle la vita. E’ quanto scrivono i media Usa: la lettera e’ stata scritta dal nunzio, Carlo Maria Viganò, a nome del papa.

“Pur non volendo minimizzare la gravità del crimine per il quale è stata condannata la signora Gissendaner e, manifestando vicinanza alle vittime, tuttavia la imploro, in considerazione delle ragioni che sono state espresse alla commissione, a commutare la pena per una che esprimerebbe meglio giustizia e misericordia”, si legge nella lettera.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: