2015 09 14 Pizzarotti Accoglienza Profughi Baganzola-3

E’ un segno di vicinanza, solidarietà e condivisione quello che il sindaco, Federico Pizzarotti, ha voluto dare in serata unendosi a cena con i profughi accolti nell’ex scuola di Castelnuovo di Baganzola, dopo la marcia a piedi nudi di venerdì scorso, che ha visto la partecipazione di tanti parmigiani. Ad accoglierlo il presidente della Croce Rossa Italiana di Parma, Giuseppe Zammarchi, e i volontari impegnati sul campo. Della gestione dei 36 profughi presenti nella ex scuola si occupano, infatti, i volontari di Croce Rossa Italiana e del Comitato Provinciale della Protezione Civile di Parma che hanno firmato al convenzione con la prefettura per la gestione degli ospiti stessi, in collaborazione con Caritas e Ciac. Oltre al sindaco, erano presente il viceprefetto Fernanda Canfora ed i consiglieri comunali Marco Bosi e Alfonso Feci.

“Abbiamo voluto fare questa visita – ha spiegato il primo cittadino – per conoscere le storie dei profughi stessi e per testimoniare loro che l’immagine della città in cui si trovano non è solo quella che hanno avuto dalle manifestazioni contrarie alla loro presenza”.

Nella ex scuola si intrecciano le vite e le storie di ragazzi che hanno visto la morte in faccia, come Lasana, 29 anni, che è partito dal Gibuti per arrivare in Libia e attraversare il Mediterraneo a bordo di un canotto con altre 100 persone. “Ho vissuto momenti di paura – spiega in inglese il giovane – ho visto spesso la morte in faccia”. Fra i suoi compagni vi sono ragazzi che vengono dal Pakistan e dal Bangladesh e che hanno attraversato a piedi la penisola Balcanica per giungere in Italia, tutti alla ricerca di un futuro migliore, per lasciarsi alle spalle miserie e soprusi.

Quella di venerdì scorso è stata una marcia volta a sollecitare la certezza di corridoi umanitari sicuri per le vittime di guerra, catastrofi e dittature e l’accoglienza degna e rispettosa per tutti con la contestuale richiesta di chiusura di tutti i luoghi di detenzione e concentrazione di migranti, per la creazione di un vero sistema unico di asilo in Europa, superando il trattato di Dublino.

Lo stesso papa Francesco è intervenuto, durante l’angelus di domenica 6 settembre, invitando ogni parrocchia ad accogliere una famiglia di profughi come segno di un’autentica preparazione in vista del giubileo della misericordia.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI PARMA 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: