hm_unibeutler_k

di DIEGO REMAGGI – Il problema dei migranti, se così lo possiamo definire (come analogia mi viene in mente anche odissea), non ha una soluzione. O meglio, per dirla come ha scritto Luca Sofri su Il Post, siamo noi che non siamo pronti ad osservarlo nel giusto modo, se esiste un modo in cui osservarlo.

Mi rifaccio alla manifestazione anti-migranti dello scorso lunedì: non voglio strumentalizzare gli striscioni, preferisco estendere la questione ad una dimensione globale.

Leggendo l’articolo di Sofri, intitolato “Vivere con i migranti”mi ha colpito la frase, fortissima, che il direttore del Post usa quando si rivolge a quello dei profughi definendoli un “problema che non si risolve”. È vero, l’accoglienza verso chi fugge dalle guerre, da paesi in aree di crisi (così li definiamo in giornalismo), è un’azione sistematica che dovrebbe essere svolta ogni giorno per garantire un domani migliore a molta gente. Ma non si tratta di un “domani” inteso come prospettiva di vita, si tratta proprio di un domani contingente al momento, 24 ore, 12, non di più. E poi di nuovo, si ricomincia.

È come se facessimo fatica ad accettare che tanti problemi sociali che il mondo abbia avuto adesso siano stati risolti e che i migranti arrivano a cambiare le carte in tavola per peggiorare o rendere più difficoltosa ogni cosa. Questo è il compito della politica, della diplomazia, e quindi, oggi, dell’Europa all’interno di cui ogni piccolo comune italiano, inteso anche come comunità. Il problema dei migranti si risolve proprio iniziando a prendere la coscienza di doverci convivere, per tanto tempo, non solo per qualche mese di emergenza.

Dall’altra parte, quella che più che politica possiamo definire fanatismo, ci sono i nazionalismi e i cretinismi. Sui secondi non c’è, come per i migranti, alcuna soluzione, ci dobbiamo convivere quotidianamente, per i primi invece mi piacerebbe spendere qualche parola ricordando la vita del professor Ernst Kantorowicz, medievista del secolo scorso, famoso per il suo studio approfondito su Federico II di Svevia. Kantorowicz, in gioventù, era un soldato, partì volontario nella prima guerra mondiale per servire la sua Germania, credeva fermamente nel potere della sua nazione ed era fortemente anticomunista, tanto da arruolarsi nuovamente qualche anno dopo per combattere la rivoluzione bolscevica in Germania. Nonostante abbia stampato dei testi con incisa sopra una svastica sui padri della nazione, il professore, ebreo, si vede costretto ad emigrare in America. La sua “migrazione” era solo di carattere politico ed intellettuale, lui era di famiglia ricca e si poteva permettere benissimo una vita agiata. L’America però lo accoglie a braccia aperte e anzi, gli affida una cattedra a Berkeley. Qui è trattato come un “divo”, come si conviene a professori che arrivano dall’Europa, è esperto di vini, di cucina, vive in una villa da attore del cinema. Poi arriva il maccartismo, la guerra fredda e la paura del comunismo. L’America chiede a tutti i professori di Berkeley di firmare un documento in cui i docenti giurano di non essere comunisti e Kantorowicz, il nazionalista, il difensore della patria, l’antibolscevico per antonomasia, è uno dei pochi a rifiutare, mentre tutta la sua famiglia, pochi anni prima era stata giustiziata nel ghetto di Terezin proprio mentre tentava di partire per l’oltreoceano.

Kantorowicz era stato così nazionalista, anti comunista e forse filo-nazista da essere costretto (per responsabilità etica) a migrare negli Stati Uniti e qui decise di non firmare (perdendo il posto) un documento che certificava quello che era stato in passato. A muoverlo è stata la sua etica, la sua morale, ma soprattutto la sua responsabilità.

Anche se oggi chi scrive cretinate dietro uno schermo non ha un senso della responsabilità, i politici devono averlo. Possono essere di sinistra, di destra, nazionalisti o meno ma non possono sottrarsi, alla loro responsabilità verso i problemi che li circondano. E se quelli di oggi, in parte si chiamano migranti allora c’è da rimboccarsi le maniche, senza cercare una soluzione definitiva, ma costruendola e cercare di conviverci, cretini a parte.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: