FotoArmando
Dopo aver presentato e votato mozioni per l’acqua pubblica, inserito nello statuto comunale il diritto all’acqua come bene comune, l’amministrazione 5 stelle di Parma si appresta ora a vendere le azioni di Emiliambiente spa una società partecipata di proprietà interamente pubblica che gestisce il servizio idrico integrato dei comuni della bassa parmense, fornisce acqua alla città e potrebbe in prospettiva gestire in house il servizio di raccolta rifiuti, senza bisogno di creare nuove società come vorrebbe fare l’assessore all’ambiente Folli.

Evidentemente il suo collega al bilancio Ferretti tiene in gran poco conto gli impegni del programma 5 stelle e i mandati del Consiglio comunale. Come il Sindaco Pizzarotti che dopo l’inceneritore, gli asili, il referendum, l’autostrada dà un’ennesima prova di coerenza con i principi del proprio movimento.

Nicola Dall’Olio
Capogruppo PD Consiglio comunale di Parma

 

 

Di seguito l’interrogazione del gruppo PD depositata in Comune.

SINDACO di Parma

Al PRESIDENTE del Consiglio Comunale di Parma

Interrogazione ex art. 28 Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale:

Vendita quote azionarie Emiliambiente S.p.A.

Il sottoscritto Consigliere Comunale,

PREMESSO:

che il Comune di Parma è socio con il 9,63% di Emiliambiente S.p.A. società di proprietà

totalmente pubblica che gestisce il servizio idrico integrato dei Comuni della bassa

parmense alimentando la rete acquedottistica con tre campi pozzi di cui uno sito in Comune

di Parma, località San Donato;

che in occasione dell’assemblea dei soci di Emiliambiente s.p.a. tenutasi il 26/10/2015

l’assessore al bilancio Ferretti, presente in rappresentanza del Comune di Parma, ha

ribadito la volontà del Comune di vendere le proprie quote azionarie ed uscire da

Emiliambiente s.p.a.

CONSIDERATO:

che il programma elettorale del Movimento 5 Stelle di Parma pone tra i suoi obiettivi la ripublicizzazione

del servizio idrico integrato in coerenza con i principi sanciti dai referendum

sull’acqua e dal Coordinamento nazionale per l’acqua pubblica;

che nel 2013 è stata approvata dal Consiglio comunale una mozione presentata dal

Consigliere 5 stelle Ageno, che faceva propria una petizione del Coordinamento Provinciale

acqua pubblica finalizzata ad inserire nello Statuto comunale il diritto all’acqua e il principio

della non rilevanza economica del servizio idrico integrato;

che l’art. 7 dello Statuto del Comune di Parma (Diritto all’acqua), così come modificato nel

2014 dalla maggioranza 5 stelle in coerenza con la mozione Ageno, afferma “il principio

della proprietà pubblica” dell’acqua, bene comune da utilizzare attraverso un “servizio

pubblico locale privo di rilevanza economica”;

che nel 2013 e nel 2015 sono state approvate dal Consiglio comunale due mozioni a favore

della gestione diretta del Servizio di Gestione e Raccolta rifiuti e che l’assessore

all’ambiente Folli si è attivato presso Atersir per verificare la fattibilità della gestione in house

del suddetto servizio attraverso una società pubblica;

2

PRESO ATTO:

che Emiliambiente S.p.A., società interamente pubblica partecipata da 17 Comuni fornisce

acqua a Iren per il servizio idrico della città attraverso il campo pozzi di San Donato;

che Emiliambiente S.p.A. è una società in house che potrebbe in prospettiva fornire ai

Comuni soci altri servizi pubblici locali, oltre a quello idrico, come ad esempio il servizio di

gestione e raccolta rifiuti;

CONSIDERATO

che la vendita delle quote di Emiliambiente S.p.A. di proprietà del Comune di Parma appare

in aperta contraddizione con il programma elettorale del movimento 5 stelle, con lo Statuto

comunale e con le mozioni sull’acqua pubblica approvate dal Consiglio comunale;

che tale vendita appare altresì strategicamente inopportuna e contraddittoria rispetto

all’intenzione dell’amministrazione comunale di gestire direttamente il servizio di raccolta

rifiuti attraverso una società in house;

SI CHIEDE

se è confermata l’intenzione dell’amministrazione comunale di vendere le quote della

società pubblica Emiliambiente s.p.a., così come ribadito dall’assessore Ferretti

nell’assemblea dei soci del 26/10/2015 e, nel caso, per quali ragioni e con quali obiettivi;

come si concilia la vendita delle azioni di Emiliambiente S.p.A. con i principi, le linee

programmatiche e gli impegni assunti dall’Amministrazione comunale in materia di gestione

dei servizi pubblici locali.

Parma, 29-10-2015

Nicola Dall’Olio – Gruppo PD

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: