Media, due morti e 20 feriti in attacchi Gerusalemme

Due israeliani colpiti a nord di Tel Aviv. Ieri quattro attentati

Ancora violenze e tensione in Medio Oriente: almeno due morti e una ventina di feriti in due attentati avvenuti oggi in contemporanea a Gerusalemme. Secondo le prime ricostruzioni, la prima vittima israeliana è stata uccisa a bordo dell’autobus ad Armon HaNatziv dove due palestinesi hanno aperto il fuoco e accoltellato i passeggeri. La vittima è un uomo di circa 60 anni, ci sarebbe anche un ferito grave. La polizia, intervenuta poi in forze, ha ucciso il primo dei due terroristi e catturato l’altro. Il secondo israeliano è stato ucciso in via ‘Malkei Israel’ quando un palestinese ha lanciato la propria auto contro un gruppo di persone in sosta alla fermata dell’autobus. L’attentatore è poi sceso ed ha accoltellato chi era a terra. La polizia ha detto di aver “neutralizzato” l’attentatore.

Quattro passanti israeliani sono stati pugnalati da un assalitore palestinese nel centro di Raanana (a nord di Tel Aviv), nel secondo attentato palestinese della mattinata in quella citta’. In precedenza altri due israeliani erano stati accoltellati. Entrambi gli assalitori sono stati “neutralizzati” e catturati.

Ieri quattro attentati in un giorno, due nello spazio di circa un’ora, almeno 6 israeliani accoltellati a Gerusalemme. L’allarme in Israele è altissimo e lo stillicidio quotidiano. “Il terrorismo è figlio della volontà di distruggerci e non della disperazione palestinese”, ha denunciato il premier Benyamin Netanyahu in un teso dibattito alla Knesset. “Ma la nostra voglia di vivere distruggerà la voglia di uccidere dei nostri nemici”, ha avvertito, respingendo ancora una volta come “bugie” le affermazioni che Israele stia cercando di cambiare lo status quo sulla Spianata delle Moschee o che sia in lotta con l’Islam.

Il premier ha però confermato la volontà del governo di mettere fuori legge, una volta ottenuto il via dal procuratore generale, il Movimento islamico, specie nel nord del paese che, insieme ad Hamas, “istiga” ad una guerra religiosa contro Israele. Senza dimenticare l’Autorità nazionale palestinese il cui presidente Abu Mazen (Mahmoud Abbas) deve combattere l’istigazione e “condannare gli attentati terroristici palestinesi”.

Oggi in Israele è previsto lo sciopero generale degli arabi israelianiin solidarietà con la Cisgiordania e per la Moschea di Al Aqsa.

Il vice comandante della polizia Benzi Sao ha riferito in Parlamento che finora sono stati feriti negli scontri 68 agenti da pietre o bottiglie incendiarie e che dei 300 arresti effettuati di palestinesi o arabo israeliani, oltre la metà sono minorenni. Il ministero della Sanità palestinese ha calcolato in 1300 i feriti palestinesi da pallottole vere o ricoperte di gomma dall’inizio di ottobre, di cui 75 solo ieri negli scontri in Cisgiordania. Nel vuoto di iniziative politiche della comunità internazionale in grado di raffreddare la situazione, ieri una delegazione del Quartetto ha annunciato di aver spostato – su richiesta a quanto pare di Netanyahu, vista la situazione – la visita nella regione mentre il capo della diplomazia Ue Federica Mogherini ha avuto due conversazioni telefoniche con Netanyahu e con Abu Mazen in cui ha sottolineato “l’importanza di evitare azioni che alimenterebbero ancora di più le tensioni”.

 fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: