Published On: Mer, Nov 4th, 2015

Addio Teleducato, situazione nera per i dipendenti

Share This
Tags

619112

Lo scorso 30 ottobre 2015 l’assemblea dei soci di Telemec srl ha approvato un piano di ristrutturazione “indispensabile per poter garantire la continuità aziendale”. Con questo annuncio la società concessionaria di Teleducato Parma, Piacenza e All News ha dichiarato la fine delle trasmissioni. Teleducato era in onda dal 1977 ad opera del fondatore Nello Gaiti. Nell’azionariato attuale figura anche l’industriale Pizzarotti.

“Nonostante un’importante ricapitalizzazione da parte di tutti i soci per l’immediata messa in sicurezza della società”, ha comunicato Telmec, “si è reso necessario: la cessazione dell’attività di produzione di servizi di media audiovisivi di tutti i canali televisivi, compresi Teleducato Parma e Teleducato Piacenza, a partire dai primi mesi del 2016; la vendita degli stessi canali; la prosecuzione dell’attività di operatore di rete, attraverso il trasporto del segnale di altre emittenti”.

A farne le spese sono stati i dipendenti rimasti in forza alla tv: “In considerazione della cessazione di fatto dell’attività di produzione televisiva, è al momento inevitabile l’interruzione di tutti e nove i contratti di lavoro attualmente in essere”.

Tanti sono stati i commenti e la parole di incoraggiamento per i professionisti che sono destinati a rimanere a casa tra cui quello del Senatore Giorgio Pagliari (Pd) ha dichiarato: “Ho consumato le sedie di Teleducato: come posso non essere dispiaciuto? Teleducato è una emittente importante nel sistema locale, e ha avuto certamente un suo ruolo che riconosco senza problemi anche se non ho sempre condiviso. Ricordo, sul piano personale, un rapporto sempre cordiale con il direttore Ferraguti e con tutti gli operatori. Li ringrazio, augurando che possa davvero concretizzarsi una soluzione che garantisca loro la continuità lavorativa”.

La televisione aveva da tempo dei problemi, soprattutto dopo che il presidente e amministratore delegato Pier Luigi Gaiti era stato indagato dalla Procura per truffa aggravata allo Stato e falso. La vicenda giudiziaria nel marzo scorso aveva portato al sequestro da parte della Guardia di Finanza delle frequenze televisive delle emittenti locali Teleducato Parma, Teleducato Piacenza e il canale Allnews per un’inchiesta relativa alla illegittima erogazione di contributi pubblici.Già alcuni dipendenti avevano dovuto abbandonare il posto di lavoro e si erano già aperte vertenze sindacali e rimostranze sottofrma di scioperi sin dal 2012.

Appena appresa la notizia il direttore di Teleducato Parma, Pietro Adrasto Ferraguti ha provato a rassicurare: “Non si tratta di una  chiusura: viene trasferita l’attività in un nuova società, dove, in un paio di mesi, confluiranno le risorse per ripartire”. Per quanto riguarda il destino dei giornalisti e operatori ha invece rivelato: “C’è un preavviso di interruzione di rapporto che vale per un paio di mesi, ci è stato chiesto di andare avanti”.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette