UpkPfA5XLjj9bAG3CALGTWr8UDQsUMadTc6DZA1VyCo-

COORDINAMENTO DEI PRESTATORI E DEGLI ASSEGNATARI

Il fallimento della Di Vittorio è il fallimento di un’impresa-comunità, di una grande idea sociale e mutualistica, non è solo un fallimento economico. E non riguarda solo figure economiche ma PERSONE e FAMIGLIE. I soci della Di Vittorio non sono responsabili del fallimento, sono le VITTIME.

I responsabili sono coloro che avendo ruoli da amministratori e controllori della Cooperativa hanno utilizzato la Cooperativa stessa come forziere da cui prendere il tesoro per intraprendere attività e alleanze scellerate e nefaste. Il fallimento della Di Vittorio lascia sul lastrico i soci prestatori e i fornitori, per il resto lascia un patrimonio residenziale pubblico importante e nessun soldo pubblico sprecato o rubato. Le intimazioni di sfratto pervenute in queste settimane ad alcuni assegnatari sono un’azione muscolare che non porta a nulla, se non a far pagare spese legali gravose a persone già penalizzate. Precisato e premesso che il fenomeno è assolutamente circoscritto a pochi casi, che il moroso vero va perseguito e che ci sono altre soluzioni per pretendere il pagamento delle corrisposte senza ricorrere all’azione legale, denunciamo che alcuni assegnatari risultano morosi anche se in regola con i pagamenti, che nella morosità è stata inserita la Tasi 2014 (non dovuta), che la compensazione viene ritenuta morosità.

A proposito di compensazione, noi pensiamo sia un legittimo diritto del socio assegnatario/prestatore compensare il debito (corrisposte) col credito (prestito). E così facendo il socio assegnatario/prestatore che compensa non danneggia i prestatori puri. Sentiamo anche la necessità di sottolineare la diversità che ci oppone al”Comitato Montali/Grolli” (a difesa dei soci della Cooperativa Di Vittorio). Sarebbe utile a tutti che questa rivalità non ci fosse, ma i forti contrasti sviluppatisi negli anni scorsi sulla conduzione della Cooperativa e le relative scelte economiche e di investimento, si sono trasferite e si manifestano anche oggi sulle scelte e sui contenuti della Procedura. Certo è che coloro che sono schierati col “Comitato” e amministravano la Cooperativa e le società collegate, se avessero favorito la partecipazione e informato con correttezza e trasparenza i soci e i consiglieri tutti, oggi non ci sarebbe bisogno di un Comitato a difesa dei soci.

I soci andavano tutelati, difesi e rispettati mentre era in vita la Cooperativa e non ingannati, mentre la Cooperativa soffocava sotto i debiti e veniva sperperato il prestito sociale.

Tutti hanno la facoltà di ricordare o di dimenticare ciò che si vuole. Condividiamo e apprezziamo gli sforzi della Curatela e delle Istituzioni sul progetto di salvaguardia dell’indivisa, perchè ciò significa mantenimento e valorizzazione di un patrimonio residenziale pubblico, tranquillità per gli assegnatari, superamento di un esercizio provvisorio e alleggerimento della Procedura di Fallimento.

Un ringraziamento sincero e speciale lo rivolgiamo al movimento cooperativo e alla Lega Coop di Parma, Piacenza e Reggio per l’iniziativa solidale di acquisto parziale del prestito sociale e che consente ai soci prestatori puri di ricevere nei prossimi giorni una prima quota (10%) del loro credito. Al movimento cooperativo e alla Lega Coop chiediamo uno sforzo maggiore, non solo economico, per comprendere le esigenze e le angoscie dei soci assegnatari e dei soci creditori. Rimediando, insieme, agli errori e alle mapprossimazioni del passato.

A chi legge questo documento vogliamo ricordare che la nostra storia, la storia della Cooperativa Di Vittorio, è scolpita in quella materia di cui sono fatti i msentimenti. E se il buio si impadronisce dei cuori e delle anime e la morsa di questa sciagura stravolge le vite di tanti, si spengono i sentimenti più profondi.

Novembre 2015 p. il Coordinamento dei prestatori e degli assegnatari

Fallimento Coop. Di Vittorio

PERAZZI GIAMPIERO – FRAZZI LUIGI – COCCONI ERNESTO

MANCINI CLAUDIO – MORI LILIANA

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: