2baf9d715d622813d3e6fdc094691c73

Rigettata la richiesta di sospensiva del Dottore, strada per il mondiale torna in salita. Lorenzo: “Rispetto Tribunale, mi scuso per il gesto al podio. La mia strategia per il Gp non cambia”. Marquez: “Di Sepang non rimpiango nulla

Più che arrabbiato sono deluso: mi dispiace non potermi giocare una chance che mi ero costruito dall’inizio dell’anno, ma forse anche prima, e alla resa dei conti mi si toglie la possibilità di giocarmela”.Valentino Rossi riassume così il suo stato d’animo in vista del gp di dove per la sanzione subita partirà in ultima posizione. “Già era difficile prima, adesso lo sarà ancora di più. ma adesso sono qui e dobbiamo cercare di impegnarci al massimo e mantenere concentrazione per arrivare competitivi e veloci il più possibile domenica. Era già difficile prima, ora di più...”

Il Tas ha infatti rigettato la richiesta di sospensiva di Valentino Rossi che partirà dunque dall’ultima fila a Valencia, l’ultimo e decisivo appuntamento del mondiale. “Il Tribunale di Arbitrato per lo Sport – si legge nel comunicato diffuso dai giudici di Losanna – ha respinto la richiesta di sospensiva presentata da Valentino Rossi dell’esecutività della decisione presa dai giudici di gara il 25 ottobre del 2015. Pertanto viene confermata la decisione dei Commissari sportivi della Fim di imporre 3 punti di penalità a Valentino Rossi a seguito dell’ incidente con Marc Marquez durante il Gp della Malesia di domenica scorsa. Di conseguenza, Valentino Rossi partirà in ultima posizione nella griglia di partenza nell’ultimo Gp della stagione, che si terrà a Valencia l’8 novembre”.

 

Come potrebbe essere lo scenario sulla griglia di partenza di Valencia se fosse confermata la penalità inflitta a Valentino Rossi

La decisione del Tas: “Dopo la gara in Malesia – ricorda il Tas – la Direzione Gara ha valutato che Valentino Rossi aveva investito deliberatamente Marc Marquez al fine di costringerlo ad andare fuori linea, il conseguente contatto ha causato la caduta di Marquez che è finito fuori gara. Per tale violazione del regolamento, la Fim ha imposto 3 punti di penalità sulla patente del pilota, che già scontava 1 punto di penalità per un incidente a inizio stagione. Questa decisione lo porta ad avere 4 punti di penalità, condizione che lo costringerà ad iniziare la prossima gara dall’ultima posizione della griglia di partenza”. Il Tas ricorda di “aver ascoltato i rappresentanti del sig. Rossi e, ieri, della Fim negli uffici di Losanna, al fine di esaminare esclusivamente la richiesta urgente di una sospensiva per stabilire se Valentino Rossi dovesse o meno partire dall’ ultima posizione della griglia a Valencia. Il Tas ha rilevato che le condizioni per concedere la sospensiva non erano soddisfatta, il che significa che la sanzione imposta dalla Fim dovrà quindi essere applicata nel prossimo Gran Premio a Valencia”. Il Tribunale dello Sport ricorda infine che il 2 novembre Jorge Lorenzo aveva presentato una richiesta di intervento per poter partecipare all’arbitrato, previa consultazione con le parti, e il Tas ha permesso solo la presentazione di una dichiarazione scritta da parte dei legali di Jorge Lorenzo. La procedura di arbitrato è ancora in corso e una decisione definitiva nel merito sarà resa nota più tardi”.

 

Lorenzo “Rispetto Tas, mi scuso per gesto podio” – “Dobbiamo rispettare la decisione. Sono arrivato qui pensando soltanto al week end che è molto importante per me e non voglio parlare di nient’altro”. Così Jorge Lorenzo sul no del Tas al ricorso di Rossi. Lo spagnolo si è però scusato per il gesto sul podio a Sepang: “Un errore e voglio chiedere scusa. Non è stato un esempio di sportività”. “In ogni matrimonio ci sono momenti di frizione: adesso la Yamaha ha voluto difendere un suo pilota, ma è sempre stata corretta con entrambi. Io sto bene e voglio restare qui”.

 

Marquez “di Sepang non rimpiango nulla” – “Io ogni volta che vado in pista lo faccio per ottenere il meglio. L’ho fatto in Malesia, in Australia, in Giappone e lo farò anche a Valencia, dove cercherò di chiudere davanti o sul podio”: cosi’ Marc Marquez nella conferenza stampa di presentazione del Gc di Valencia. L’unico rimpianto dello spagnolo è di “non aver chiuso la gara (a Sepang, ndr), ma non rimpiango nulla rispetto a quanto fatto in gara, perchè io cerco sempre di fare il meglio. 

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: