banca-etruria

di MARCELLO VALENTINO – Banca dell’Etruria, Banca delle Marche, CariFe e CariChieti, ancora quattro banche salvate dallo Stato, in una di queste era vice presidente niente di meno che il padre di Maria Elena Boschi e sempre nella stessa banca vi lavorava anche il fratello Emanuele Boschi, insomma un affare quasi di famiglia e adesso ci mette lo zampino Matteo Renzi che con il suo governo salva in quattro e quattr’otto tutte e quattro le banche. Ma a farne le spese sono tutti quei risparmiatori che in maniera incauta avevano investito i pochi soldi che possedevano in azioni e bond delle stesse che oggi  valgono zero assoluto. Come si fa a fare una cosa del genere? E perché altre banche non sono intervenute, solidali come sono tra di loro, in soccorso delle quattro banche? 

Ma poi io dico, come fa una banca a fallire se non c’è malversazione, connivenza, malagestione ecc.? E i colpevoli di tutto questo dissesto chi sono?

Non c’è un amministratore, un presidente, un consiglio di amministrazione? E questi cosa facevano con i soldi dei clienti? Anche qui naturalmente, come già è successo altre volte, vedi qui a Parma la stessa Cassa di Risparmio e più recentemente Banca Monte di Parma per non parlare del Monte dei Paschi di Siena, nessun colpevole, gli unici colpevoli sono i risparmiatori, tutti incauti ad averci messo dentro i propri soldi per poi essersi ritrovati con un pugno di mosche. Ancora una volta siamo qui a parlare di banche e ancora una volta vi dico, vi avverto, vi esorto: non tenete i soldi in banca, solo lo stretto necessario che vi occorre per vivere, il resto mettetelo al sicuro, dove volete, ma non certo in banca, che è l’ultimo posto dove dovete pensare di tenere il vostro denaro. Al giorno d’oggi è il posto più pericoloso, da un momento all’altro: puff! Come per magia tutto sparito. Pensate solo al calvario di tutte quelle persone che hanno investito tutti i loro risparmi in queste quattro banche, più quelli che avevano investito nei bond argentini o quelli della Parmalat, se avessero tenuto a casetta i loro risparmi a quest’ora sarebbero tutti con i loro bei soldini in tasca.

E comunque vadano o andranno le cose, la colpa più grave è quella dello Stato e dei politici che non sono in grado di fare delle leggi che puniscono pesantemente i colpevoli di tali imbrogli, ma è anche cosa risaputa che se non lo fanno è perché prima o poi si possono loro stessi trovare in una situazione analoga e allora chi glielo fa fare di fare leggi giuste se poi ci vanno di mezzo pure loro? La colpa è solo dei risparmiatori italiani che sono così fessi da continuare a lasciare i loro soldi in banca o investirli in modo sbagliato. Continuate pure così, poi sono cazzi vostri .

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: