Published On: Mar, Dic 1st, 2015

Avanza con regolarità il cantiere della scuola Racagni

Share This
Tags

1 12 2015 Pizzarotti Alinovi sopralluogo Scuola Racagni-3

Sopralluogo di sindaco e assessore Alinovi. La scuola sarà pronta ad accogliere i ragazzi per il nuovo anno scolastico.

L’obiettivo è che dal prossimo anno scolastico la scuola Racagni  torni ad essere popolata dai ragazzi del quartiere Pablo.

Il sindaco Federico Pizzarotti e l’assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi lo hanno ribadito durante il sopralluogo di questa mattina sul cantiere, organizzato proprio allo scopo di verificare di persona l’andamento dei lavori.

Dai riscontri effettuati risulta che i lavori sono stati eseguiti per una percentuale compresa fra il 55 e il 60%. La chiusura del cantiere è prevista entro marzo.

La nuova scuola Racagni sarà dunque aperta a settembre 2016.

E’ iniziata anche  la costruzione della palestra, che sarà ultimata prima dell’apertura della scuola.

Il costo totale  dell’intervento  è di 8.000.000 di euro, ai quali si aggiungono 500.000 euro stanziati sul bilancio 2016, che si rendono necessari per procedere alla  bonifica dell’area inquinata emersa nel corso degli scavi.

Si tratta di un edificio all’avanguardia – hanno sottolineato gli amministratori – costruito con i criteri più avanzati e  improntato al massimo risparmio di energia, anzi, i costi della bolletta energetica dovrebbero essere pressochè nulli”.

Il cantiere viaggia a pieno ritmo: “Questa sembra davvero la volta buona – è il commento della dirigente scolastica Lucia Ruvidi – abbiamo convissuto per 4 anni con le scuole Cocconi e Corazza che ci hanno ospitato. Il disagio c’è stato, ma le famiglie hanno mantenuto il legame con la scuola, evidentemente giudicata di qualità. Oggi abbiamo 13 classi, per l’anno prossimo speriamo che tornino ad essere 15, che debutteranno in questo bellissimo edificio. La pazienza viene ripagata.”

“Effettivamente – ha chiosato il sindaco – sembra più un museo d’arte moderna che una scuola, c’è di che essere davvero soddisfatti”.

La struttura, che si sviluppa su tre piani conta su 20 aule ed è stata pensata per ospitare fino a 4 sezioni di scuola primaria.

La superficie netta totale del piano terra è di 2.326 metri quadrati con le aule, l’auditorium, i servizi, la palestra, gli uffici di direzione scolastica. Il primo piano ha una superficie totale netta di 1.491 metri quadrati con cinque aule didattiche, aule di interciclo, laboratori di lingue – arte – informatica- scienze e musica, mensa e relativi spazi, locali tecnici e di servizio. Il secondo piano ha una superficie totale netta pari a 1.030 metri quadrati e comprende 10 aule didattiche e spazi di servizio.

“Sarà anche una struttura a servizio del quartiere – ha putualizzato l’assessore Michele Alinovi – ci saranno la palestra, una sala civica e l’aula di informatica con accesso indipendente, quindi utilizzabili fuori dall’orario scolastico”.

Il nuovo complesso sarà caratterizzato dall’utilizzo di materiali fortemente innovativi  con un sistema costruttivo in legno, segnato da un elevato grado di coibentazione dell’involucro esterno con particolare riferimento alle pareti, al tetto ed al pavimento. Anche gli infissi e le finestre saranno realizzati in modo tale da limitare al massimo la dispersione energetica con la previsione di doppi e tripli vetri, a cui si aggiunge un sistema di ventilazione in grado di ricambiare l’aria interna ogni 30 minuti, trattenendo il calore.

La nuova scuola sarà un edificio, cosiddetto, “passivo” in grado tendenzialmente di produrre più energia primaria di quella consumata, grazie anche alla presenza di un impianto di pannelli fotovoltaici sul tetto.

Solo il nucleo centrale, con un ampio e luminoso atrio circolare  che occupa l’altezza dell’intero edificio e il lato di mensa e cucina sono in calcestruzzo. Le aule sono invece interamente in legno.

La realizzazione del progetto attuale nasce da un percorso di confronto e di partecipazione che ha visto l’Amministrazione, in particolare l’assessorato alla scuola ed ai servizi educativi e l’assessorato ai lavori pubblici, confrontarsi con i portatori di interessi, tra cui la dirigenza scolastica, i corpo docente, il consiglio di istituto, i genitori e i cittadini del quartiere per approntare un progetto che tenesse il più possibile conto delle loro istanze, tra cui la migliore accessibilità e fruibilità degli spazi, maggiore comfort ambientale e climatico e l’attenzione all’organizzazione degli spazi esterni e del verde accessorio.

La nuova scuola sarà dotata di cucina con annessa mensa, una palestra adeguata al basket e utilizzabile al di fuori dell’attività scolastica e un auditorium da 150 posti, che saranno accessibili direttamente dall’esterno..

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette