Published On: Lun, Dic 21st, 2015

Consiglio Provinciale: focus sulla presenza del lupo, trasporto pubblico locale e Piano di protezione civile

Share This
Tags

 Consiglio1xweb

Approfondimento sul progetto di tutela di monitoraggio del lupo nell’Appennino tosco-emiliano. Approvazione degli indirizzi della procedura di gara dei servizi di trasporto pubblico locale e del 2° stralcio del Piano provinciale di Protezione Civile. Infine ringraziamenti al Delegato Censi: per lui, dimissionario a causa della fusione dei Comuni di Zibello e Polesine Parmense, ultima seduta di Consiglio.

Così come stabilito nella scorsa seduta, il Consiglio Provinciale si è aperto con un approfondimento sul progetto di tutela del lupo nell’Appennino tosco-emiliano. L’intervento è stato affidato a Willy Reggioni, responsabile del progetto Wolf Apennine Center del Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, che ha parlato della Presenza del lupo nell’Appennino parmense: monitoraggio, prevenzione e mitigazione.

L’esperto ha sottolineato come, in questi ultimi anni, ci si trovi di fronte a una rinnovata tensione nei confronti del lupo. “Prima il rischio era per il patrimonio zootecnico, ora l’asse della paura si è spostato e coinvolge l’uomo. I lupi sono più contattabili ma ci sono ragioni storiche e culturali: hanno occupato la parte del crinale dell’Appennino, quella loro più congeniale, ma i giovani lupi sono stati costretti a scendere verso valle dove hanno trovato un territorio altrettanto capace di ospitarli. La dispersione è una caratteristica tipica del lupo: è  organizzato in gruppi familiari, e molti giovani esemplari li abbandonano per cercare fortuna altrove, fondando nuovi gruppi familiare che, a loro volta, generano lupi. L’abbandono della montagna ha fatto sì che questa si rinaturalizzasse – ha affermato Reggioni – Il lupo è tornato e ha trovato due generazioni di pastori impreparati. Negli anni Novanta come Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, siamo intervenuti con la prevenzione. La presenza del lupo in collina crea grandi problemi: c’è una rinnovata pressione nei confronti degli animali domestici. La paura è resa ancora più pressante dal fenomeno dell’ibridazione, cioè dal problema della incapacità di conservazione del patrimonio genetico del lupo.
Reggioni ha continuato illustrando il progetto Wolf Appenin Center: “Grazie a questo sono state firmate molte convenzioni con soggetti portatori d’interesse: questo consente di avere un centro di referenza per risolvere i conflitti. Siamo intervenuti in luoghi critici come Albareto, dove c’è un gruppo familiare che ha imparato a predare i cani. Incontriamo le persone e i cacciatori, e abbiamo fatto un intervento di cattura di alcuni animali e accertato che sono geneticamente puri: con questi dati siamo in grado di fornire la localizzazione degli animali prima dell’attività venatoria. Da dire è che il lupo è il nostro super predatore ed è potenzialmente pericoloso: nel nostro Appennino si contano una ventina di gruppi familiari. L’aspetto più importante è l’informazione per la limitazione dei pregiudizi”.

La relazione ha suscitato grande interesse. Il Consigliere Giuseppe Conti ha chiesto che si continui il confronto con tutti i portatori d’interesse, anche con chi abita la montagna e, con la sua presenza, la rende vitale. E ha sottolineato “come i problemi ci siano con i cani ma con altri animali come pecore, pecore, cavalli, pony. Ed è necessario salvaguardare tutti”.
Il Consigliere Maurizio Vescovi ha chiesto chiarimenti sulle tecniche adottate per il monitoraggio degli animali e le migrazioni. “Sono tante le tecniche” ha risposto Reggioni. “Dirette che prevedono la cattura, mai facile, e il posizionamento di un collare che permette la localizzazione. E indirette come l’ululato indotto per localizzare il gruppo familiare, il seguire le tracce sulla neve e l’analisi dei campioni fecali per la determinazione del genotipo del lupo”.
Claudio Moretti, Delegato all’Agricoltura, ha concluso chiedendo l’istituzione di un gruppo di lavoro che coinvolga la Provincia, i portatori d’interesse e il Parco dell’Appennino per un confronto continuo sul tema.

Il Consiglio è proseguito con l’interrogazione del Consigliere Conti con la richiesta di un incontro della Commissione montagna per la costruzione di proposte concrete per la Conferenza regionale di gennaio per la montagna.

Si è proceduto poi all’illustrazione, da parte del Delegato ai Trasporti Andrea Censi, degli indirizzi per la procedura di affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale del bacino della Provincia di Parma 2016-2024. “Si tratta di una delibera molto importante: la garanzia che il servizio abbia una governance chiara è indispensabile. Con questo passaggio si dà corso, in tempo utile, alla proroga del servizio all’attuale gestione fino al 31 dicembre 2016 per l’indizione della gara”. Per procedere con le attività relative alla gara da parte della stazione appaltante SMTP S.p.A., è stato necessario che i due Enti competenti, il Comune (che ha già approvato la delibera nel Consiglio Comunale del 18 dicembre) e la Provincia di Parma definiscano gli indirizzi relativi alla procedura di affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale (TPL). E’ intervenuto Pier Domenico Belli, amministratore unico di SMTP S.p.A. “Tutti i dipendenti Tep saranno garantiti anche se ci sarà un nuovo gestore: sono state firmate le clausole sociali in questo senso. Il nuovo gestore si dovrà impegnare nella modernizzazione del parco macchine e nella salvaguardia della qualità offerta. L’aggiudicazione definitiva a metà settembre e firma del contratto nel mese di novembre”. La delibera è stata quindi approvata con astensione dei Consiglieri Canova e Vescovi.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette