MILAN; MIHAJLOVIC,BERLUSCONI? OK AL CONFRONTO MA DECIDO IO

In 5.000 dalla Calabria per seguire la squadra nel tempio di San Siro

Milano, il Milan ha battuto il Crotone per 3-1 (0-0, 1-1), dopo i tempi supplementari, qualificandosi per gli ottavi di finale della Coppa Italia di calcio.

** I GOL **

– 2′ st: Poli lancia nello spazio Luiz Adriano che brucia sul tempo Cordaz in uscita e di destro sblocca il risultato.

– 23′ st: Budimir approfitta di una dormita della difesa del Milan, dribbla Zapata e con un sinistro a incrociare batte Abbiati.

– 15’pts: con una perfetta parabola su punizione dal limite dell’area Bonaventura scavalca la bandiera e sorprende Cordaz.

– 10’sts: triangolazione fra Montolivo e Niang, che si ritrova solo al centro dell’area e segna indisturbato.

A Crotone é stata festa per l’incontro di Coppa Italia in casa del Milan. Giocare nella “Scala del calcio” é stato considerato un onore dai ragazzi di Juric, che stanno disputando un campionato di serie B. Sono cinquemila i tifosi del Crotone giunti a Milano al seguito della squadra. Il clima, come ha riferito un sostenitore della squadra, é di “‘pacata euforia’. Siamo venuti qui consapevoli della differenza tecnica tra le due squadre, ma in fin dei conti sognare non é proibito, considerato anche l’ottimo livello tecnico dimostrato dal Crotone nelle ultime prestazioni. Se siamo la seconda forza del campionato di serie B, in fin dei conti, non sarà per un caso”. Sono almeno cinquemila i tifosi crotonesi giunti tra ieri ed oggi a Milano. Intere famiglie, nonni compresi, con sciarpe e cappelli hanno affrontato il viaggio in autobus, treno o aereo. Negli aeroporti di Orio al Serio e di Linate e nella stazione centrale di Milano erano in tanti con la sciarpa rossoblu al collo. Tutti a coltivare il loro sogno. Chi mantiene i piedi ben saldi a terra é l’allenatore dei rossoblu Ivan Juric. “Sono felice per la città di Crotone – ha detto – perché merita questo traguardo dopo tanti sacrifici. Per la mia squadra deve essere una partita di grande concentrazione e dignità. Voglio che i ragazzi giochino a calcio con la solita concentrazione e determinazione contro una squadra che é comunque fortissima”.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: