50e8f4457ed6b3d76f37a3e82b421a0b-101-k7kD-U1301313211248RNC-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Fischi all’Olimpico: la squadra di Di Carlo tiene lo 0-0 fino al 120′ e poi conquista il quarto di finale contro l’Alessandria

Roma eliminata in casa ai rigori e fischiata dai pochi tifosi presenti: 0-0 al 120′, Pjanic e Dzeko sbagliano i primi tiri dal dischetto, lo Spezia vince 4-2 all’Olimpico e trova l’Alessandria. Il primo tiro della Roma arriva al 25′, un destro da fuori di Uçan, ma un minuto dopo lo Spezia sfiora il vantaggio: tiro da fuori di Situm, De Sanctis non trattiene, Catellani è sul punto di spingere nella porta vuota, salva tutto Castan con un eccellente recupero. Al 33′ Dzeko calcia in rete, su servizio di Salah: gol annullato per fuorigioco. Nel primo quarto d’ora di ripresa lo Spezia prova a rendersi pericoloso con un paio di fughe sulla fascia di Nené, poi Garcia comincia a giocarsi i titolari, prima Florenzi poi De Rossi. Prima conclusione della ripresa, al 21′, un destro alto di Salah, di controbalzo. Un debole colpo di testa di Maicon, al 71′, è il primo tiro nello specchio della Roma. A 11′ dal novantesimo entra il terzo titolare, Digne per Emerson Palmieri, il francese prova subito un tiro-cross, bloccato da Chichizola. Situm continua a creare problemi, l’occasione più importante della Roma capita al 91′, un bel tiro da fuori di Uçan, che impegna per la prima volta Chichizola. Si va ai supplementari tra fischi, dopo 8′ Dzeko colpisce di testa su cross di Pjanic, para facile Chichizola. Poi si va i rigori, e i due bosniaci sbagliano subito, regalando la storica qualificazione alla squadra di Di Carlo.

fonte gazzetta dello sport

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: