1346773254401.jpg--paolo_barnard

Dalla Gabbia a Ballarò, da Martedì a non so come cazzo si chiamano tutte queste trasmissioni televisive che fanno finta di stare dalla parte degli spettatori senza mai parlare o andare al nocciolo delle questioni. Vi ricordate di Paolo Barnard, quel giornalista con le palle che osò dire in televisione su La 7 nella trasmissione La Gabbia che Monti era ed è un delinquente ed un criminale, che fine ha fatto? Non se ne sa più nulla, cacciato, epurato, zittito e da chi? La verità è che tutti i giornalisti che conducono determinate trasmissioni televisive sono asserviti e chi non è in linea, zac, viene eliminato. E veniamo al punto, jobs act che tradotto in italiano significa legge sul lavoro, perché non lo dicono in italiano in modo che tutti lo possono capire? Vista anche la conoscenza dell’inglese dei lavoratori medi e non che è pari allo zero. Ma poi, qualcuno se l’è fatto spiegare? E allora: c’è stata una moria di aziende che ne hanno approfittato per cessare le vecchie attività e di fatto i vecchi debiti, così hanno licenziato i vecchi dipendenti, ma apparentemente solo sulla carta, perché realmente hanno continuato a farli lavorare sempre nelle loro aziende ma in nero così che i lavoratori prendevano due stipendi, uno dalla cassa integrazione più uno in nero dal vecchio datore di lavoro che, fattosi furbo, ha sfruttato questa legge per non pagare i contributi per ben nove mesi e oltre. Nel frattempo ha creato una nuova società e ha riassunto gli stessi lavoratori con la nuova legge a contributi ridotti per tre anni. Dite un po’, ma chi non l’avrebbe fatto? Ed ecco da dove sbucano questi nuovi vecchi 500mila posti di lavoro con retribuzione ridotta. Non vi sembra questa una truffa di Stato e allo Stato e, dove sono i vari Landini, Camusso e compagnia, di cosa parlano? Di meno di niente, loro il posto di lavoro, tra l’altro molto ben remunerato, non l’hanno mica perso. Chissenefrega di chi lo ha perso realmente e di chi lo ha perso solo apparentemente. In questa farsesca situazione ci hanno guadagnato un po’ tutti o quasi, in primis i datori di lavoro, ma il vero guadagno lo ha fatto Renzi e il suo governo che ora va a dire in giro che con la sua legge sul lavoro ha generato nuovi 500mila posti di lavoro, ma tutti dovrebbero sapere o sanno che è solo un trucco contabile e che i nuovi posti di lavoro sono solo vecchi posti di lavoro a contribuzione ridotta. E il conto lo si pagherà prossimamente quando l’Inps avrà meno contribuzione e quindi avrà molti meno soldi per pagare le future pensioni. Ma che bella trovata questo jobs act (legge sul lavoro, alias truffa di Stato, per lo Stato e contro lo Stato)!

E veniamo al vostro vecchio ex presidente della repubblica Napolitano che a quasi 100 anni ha ancora il potere da vecchio e sporco comunista di dire la sua ad ogni occasione e come un asso piglia tutto è tenuto ancora molto in considerazione, perché autore delle più grosse sporcaccionate durante la sua presidenza. Ve ne rammento solo una:  dal governo Monti al governo Renzi, passando per Letta. Ma vi rendete conto? Ci siamo fatti fottere da un vecchio sporco comunista, ma non era meglio farsi fottere da Berlusconi che alla fine ci avrebbe almeno pagato generosamente. Macché, a voi italiani vi piace darlo via gratis per puro piacere e allora godete: Napolitano bis, governi fasulli, jobs act, la prossima sarà il bail in,i cioè fottervi i soldi dal vostro conto corrente per salvare le banche. Cosa aspettate, banda di imbecilli, che vi mettano il muro? O di vedere Grillo in tv. Uà, come dice Zinelli, questa ve la spiego un’altra volta.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: