Colloquio Renzi-Juncker in aula Parlamento Ue

Per questo Juncker venerdì ha perso la pazienza con Renzi

C’è preoccupazione nei piani alti delle istituzioni europee per i rapporti con l’Italia. Jean-Claude Juncker era e resta amico di Matteo Renzi ed il miglior alleato dell’Italia. Che però venerdì ha sostanzialmente perso la pazienza a causa di troppi malintesi nati perché Bruxelles non ha un interlocutore per dialogare con Roma sui dossier più delicati. Lo si apprende da fonti europee, che osservano come i problemi di comunicazione con le capitali possono diventare problemi politici.

IL CASO 

In mattinata il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni aveva parlato di “polemiche inutili” da parte di Bruxelles. “Credo che francamente da Bruxelles siano arrivate delle polemiche che io considero inutili. Noi non partecipiamo a polemiche inutili”. “Teniamo, naturalmente, alle nostre posizioni – argomenta il ministro degli esteri – ma lo facciamo come lo fa ciascun paese: discutendo sui diversi argomenti. Penso che la situazione in Europa sia molto delicata sia sul fronte economico che sul fronte migratorio e questa situazione delicata dovrebbe essere affrontata senza accenti polemici come quelli che ho sentito da Bruxelles nei giorni scorsi che francamente sono, lo ripeto, inutili”.

Mogherini, i canali tra Ue e Italia sono sempre aperti – “Gli interessi dell’Italia e della Ue coincidono” e “i canali con il Governo italiano ci sono e sono sempre aperti, e anche gli scambi con il Governo italiano ci sono per quello che vedo”: così l’alto rappresentante Federica Mogherini a chi le chiede la sua posizione sulle polemiche Roma-Bruxelles. Per la Mogherini l’obiettivo comune si vede su questioni come flessibilità e immigrazione: “In un anno sono stati introdotti strumenti che prima non c’erano, grazie all’Italia e alla Commissione”.

Gozi, dichiarazioni Ue inusuali, affrontiamo i temi – “Queste dichiarazioni sono inusuali, però noi riteniamo che si risolvano con la politica ed affrontando i temi che abbiamo posto sul tavolo, innanzitutto nell’interesse di quell’Europa che deve cambiare. Noi non abbiamo problemi personali con nessuno dei membri della Commissione”. Lo dichiara il sottosegretario agli affari europei, Sandro Gozi, lasciando la riunione del Consiglio affari generali a Bruxelles.

Ambasciatore Germania, abbiamo bisogno dell’Italia – “La Germania ha bisogno dell’Italia e ne riconosce e apprezza gli sforzi volti a migliorare l’Europa e ad ammodernare il proprio Paese. Roma e Berlino hanno interessi e problemi comuni, siamo uniti e abbiamo una grossa responsabilità”. Lo ha detto a Radio Radicale l’ambasciatore tedesco a Roma Susanne Marianne Wasum-Rainer. “Siamo a favore del dibattito, che non venga portato avanti in modo polemico, abbiamo bisogno dello scambio”, ha aggiunto a proposito della diversità di vedute all’interno dell’Ue.

 fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: