Studente scomparso Cairo, da famiglia nessuna novità

Dello studente friulano si erano perse le tracce dal 25 gennaio

Il corpo di Giulio Regeni, lo studente friulano rapito al Cairo, è stato rinvenuto in un “fosso”: lo riferisce una fonte informata nella capitale egiziana. Il luogo del ritrovamento è “in periferia”, ha precisato un’altra fonte.

Sul corpo di Giulio Regeni, lo studente friulano scomparso il 25 gennaio scorso e trovato morto in un fosso alla periferia del Cairo, vi sarebbero “segni di tortura”. Il sito di un giornale egiziano ‘Al Watan’ riporta la notizia, riferita a un fatto avvenuto mercoledì, che “gli abitanti della zona Hazem Hassan della Città del 6 Ottobre (immenso quartiere all’estrema periferia del Cairo, ndr) hanno trovato oggi il corpo di un giovane uomo di 30 anni con tracce di tortura e ferite su tutto il corpo”. Il cadavere di Regeni, secondo un’altra fonte, è stato ritrovato proprio in quell’area.

La polizia ha constatato che “il corpo era senza documenti”, aggiunge il giornale. “Dopo aver esaminato il cadavere è emerso che questo corpo appartiene a un giovane uomo di 30 anni che era totalmente nudo nella parte inferiore con tracce di torture e di ferite su tutto il corpo”, riferisce ‘Al Watan’. Il corpo era “gettato accanto all’istituto Hazem Hassan sulla strada desertica del Cairo-Alessandria”. E’ stato chiamato il medico legale per esaminare il corpo” conclude il sito.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: