BassamL’attacco compiuto da un commando di una decina di uomini armati

Gli attacchi terroristici a tre alberghi di Grand-Bassam in Costa d’Avorio hanno causato la morte di 14 civili e due soldati. Lo ha detto il presidente ivoriano Alassane Ouattara, che si è recato sui luoghi della strage, ripreso dai media internazionali. Sei terroristi sono stati uccisi, aveva detto in precedenza un ministro. Site riferische che Al Qaida per il Maghreb islamico ha rivendicato l’attacco ai resort dei turisti occidentali a Grand-Bassam.

Sparatoria in una stazione balneare della Costa d’Avorio frequentata dagli occidentali. Lo riferiscono i media francesi.  La località presa di mira è a 40 chilometri da Abidjan. Secondo media locali gli hotel colpiti sono due, il Koral Beach e Etoile du sud. E’ di almeno 12 morti, di cui 4 europei, il bilancio dell’attacco terroristico in Costa d’Avorio. Lo riferisce la polizia ivoriana citata dai media internazionali. La nazionalità delle vittime non è stata precisata. “Non sappiamo se il numero delle vittime sia più alto. Al momento stiamo passando al setaccio la zona”, ha dichiarato un ufficiale della polizia locale facendo un punto stampa.
Il consolato generale di Francia a Abidjan ha chiesto ai residenti francesi di non viaggiare tra Assine, Bassam e Abidjan “per non ostacolare le forze dell’ordine”.

Nell’attentato è morto un cittadino francese. Lo ha annunciato il presidente Hollande, parlando di “una decina di civili” uccisi insieme con “diversi membri delle forze di sicurezza”. “La Francia assicura sostegno logistico e informazioni alla Costa d’Avorio per trovare gli aggressori – ha detto Hollande – continuerà e intensificherà la cooperazione con i suoi partner nella lotta al terrorismo”.

Secondo la tv francese Tf1, per la quale i due terroristi che hanno colpito avventori di bar e spiagge con kalashnikov si sarebbero dati alla fuga. La zona è stata isolata da militari francesi ed ivoriani, riferisce l’emittente. Gli assalitori che hanno aperto il fuoco con armi automatiche in un resort della costa d’Avorio gridavano “Allah Akbar” (Dio è grande). Lo hanno riferito testimoni citati da varie fonti di stampa, secondo i quali si è trattato di uomini che agivano con il volto coperto. La Farnesina sta verificando l’eventuale coinvolgimento di italiani nell’attacco terroristico in corso presso due resort turistici in Costa d’Avorio.

Sono arrivati dal mare, in barca, gli uomini che hanno dato l’assalto ad un resort in Costa d’Avorio, uccidendo numerose persone a colpi di fucili mitragliatori kalashnikov. Lo scrive il Telegraph citando testimoni. Anche in Tunisia i jihadisti dello Stato islamico che il 26 giugno dello scorso anno massacrarono 39 persone sulla spiaggia di Sousse arrivarono dal mare, a bordo di un motoscafo e una moto d’acqua.

Erano almeno dieci i terroristi che hanno assaltato oggi un resort in Costa d’Avorio, di cui almeno cinque sono stati uccisi, mentre gli altri cinque sono fuggiti. Lo ha detto un portavoce governativo, Bruno Kone, citato da Bloomberg News.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: