pasta-fatta-in-casa

di GIORGIA FIENI – Si fa presto a dire: “cucino e mangio”…Ognuno di noi ha le proprie abitudini e crede che non influiscano affatto sulla salute. In realtà potremmo imparare ancora accorgimenti utili che renderebbero la nostra nutrizione più funzionale e gustosa: quelli che io chiamo “puntini sulle i”.

Iniziamo dalla pasta. Va scelta in base al condimento, perché possa accoglierlo nel migliore dei modi. La cottura consta di 1 litro di acqua per non più di 100g di pasta (mai spezzarla) e di 7g di sale; molti però consigliano quella “risottata” (Martha Stewart riesce a farlo in 9 minuti, mescolando continuamente, in una padella ampia, spaghetti, pomodorini, cipolla, basilico, pepe, sale e un paio di tazze d’acqua). E bisogna ricordare che se abbiamo cucinato un antipasto molto gustoso il primo piatto ne risentirà, all’assaggio.

Il pollo. Una volta acquistato, meglio se biologico, non va lavato. Solo un’adeguata cottura può uccidere tutti i batteri e virus che ancora annida.

La colazione. Quella perfetta per i bambini (ma anche per gli adulti), consiste in una tazza di latte al cioccolato, qualche biscotto, un po’ di fiocchi di cereali e un frutto, consumati con calma, senza la fretta di dover uscire di casa.

E infine. Non è certo che le diete detox siano davvero purificanti, almeno a quanto dimostrato dalla canadese Western’s Schulich School of Medicine & Dentistry: “ Sono promosse come qualcosa di sano da fare, e che seguendole sono una scorciatoia per ottenere una rapida salute, ma il nostro corpo è completamente attrezzato per disintossicarsi da sé, e per questo ci sono organi preposti come il fegato, il quale fa tranquillamente il suo lavoro”.

…lo ammetto, mi sono venuti molti dubbi su come mi comporto in cucina. Qualcosa devo decisamente cambiarlo, in modo che il mio corpo possa agire nel migliore dei modi. Ma poi mi vengono in mente le stesse domande che Giorgio Gaber sottoponeva a sé stesso nel monologo “Il minestrone” del 1975: “Perché naturalmente il mio corpo trattiene, quello che io voglio, che il mio corpo. No, potrebbe anche trattenere…no ma i piselli cosa li trattiene a fare? A me dei piselli non me ne frega niente, e magari lui trattiene i pis… [-] No io non capisco perché lui deve trattenere quello che vuole lui e non quello che io so che mi fa bene. A me i piselli fanno schifo, per esempio, e butta via le carote che sono cosi rivoluzionarie…
Maledizione, guarda che corpo stupido!”

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: