Published On: Mer, Apr 13th, 2016

Sabato 16 aprile Schiatti Class presenta la nuova F-Pace

Share This
Tags

jaguar_f-pace_le_s_location-02

Grande presentazione della nuova Jaguar F-PACE sabato 16 aprile presso la concessionaria ufficiale Schiatti Class di Parma e provincia in via San Leonardo 84/a. Lo staff della concessionaria vi aspetta per illustrarvi e farvi conoscere da vicino la nuova crossover e nel corso della presentazione sarà offerto un rinfresco di benvenuto.

Pace in inglese vuol dire passo, ritmo cioè quella capacità di tenere una buona velocità tipica di quei motociclisti che non tirano le marce, non frenano all’ultimo, ma che vanno via costanti e spariscono dopo poche curve. E il nome di questa Jaguar non è un caso, perché il concetto intorno a cui è nata è quello di rendere più alta, comoda e pratica un’auto che dev’essere anche bella e veloce in curva, come una sportiva. Praticamente il contrario rispetto ai SUV di qualche anno fa, che partivano da una fuoristrada e diventavano più stradali.

Com’è

Le linee riprendono quelle della sportiva F-Type e poi ci sono i dettagli dei fari posteriori e di quelli anteriori che sono simili alle berline XE e XF, come la grande “bocca” frontale. Le forme, in generale, sono molto pulite e non fanno mai sembrare massiccia una macchina che è lunga più di 4 metri e 70 e larga quasi 2 metri. Le dimensioni, invece, si percepiscono bene dentro, dove la F-Pace è molto spaziosa con un bagagliaio da almeno 650 litri; ha una forma molto regolare e il pavimento basso e a filo con la soglia, tra l’altro illuminata con dei led. Sul sedile posteriore pure il passeggero al centro sta molto comodo, e ci sono prese e bocchette elettriche per tutti. Lo spazio è tanto in ogni direzione, mentre il passaruota che sporge in avanti toglie un po’ di accessibilità. Quanto al posto guida, poi, la strumentazione è completamente digitale e lo schermo principale al centro della plancia è molto grande, 12,3 pollici, come anche la console centrale, così c’è molta distanza tra i sedili anteriori, che sono comodi e ben regolabili. L’infotainment è migliorato come logica e precisione, ma resta poco intuitivo da usare in certe funzioni, ha molti menu e impostazioni ed è solo touchscreen, ci vorrebbe una vera manopola.

 

Come va

Una Jaguar SUV non si era mai vista e la F-Pace rende più interessante questo marchio per un maggior numero di persone, ma la domanda è: come si comporta in curva? Le sospensioni non sono dure come su altri SUV, però si sente che l’assetto è più pensato per ridurre il rollio e dare una bella compattezza nei cambi di direzione, piuttosto che per assorbire qualsiasi tipo di buca. Qualche scossone passa, anche per via delle gomme da 20 pollici Pirelli P Zero 255/50, che non sono le più grandi disponibili (si arriva anche a 22 pollici). La macchina è molto composta e vi fa sentire la strada anche con lo sterzo che è più solido di quel che ci si aspetterebbe da un’auto con il baricentro alto. Inoltre è anche molto rapido, quasi troppo per il tipo di macchina. Bisogna farci un po’ l’abitudine. La visibilità è molto buona perché il montante anteriore è arretrato, la plancia poco profonda e il parabrezza vicino, così si percepiscono bene gli ingombri sia davanti che lateralmente; il muso lungo, poi, aiuta a capire dove mettere le ruote, soprattutto su strade strette come quelle che ho percorso con il motore 2.0 diesel 180 CV e 430 Nm.

Spinge deciso subito, anche quando si schiaccia poco l’acceleratore e sfrutta bene la fluidità del cambio automatico ZF a 8 marce. Il rumore del 4 cilindri si fa sentire agli alti giri, anche semplicemente scalando in discesa per avere freno motore. Quanto ai consumi, nei continui saliscendi del Montenegro il 2.0 diesel ha segnato medie di circa 14 km litro.

 

Curiosità

Sulla F-Pace si può avere un braccialetto in gomma che fa da chiave elettronica, proprio come un dispositivo wearable. Si lascia la chiave “normale” dentro la macchina, si chiudono le porte e si appoggia il polso sulla lettera “J” della scritta Jaguar. Così si bloccano le serrature e contemporaneamente vengono disattivate le chiavi tradizionali (se qualcuno provasse ad usarle in caso di furto sarebbero inutilizzabili). Se doveste perdere il braccialetto, l’auto con le chiavi di riserva, che riattivano anche il mazzo di chiavi rimasto in macchina.

Quanto costa

Come prezzi si parte da 44.625 euro per il 2.0 4 cilindri turbodiesel 180 da CV, con cambio manuale e trazione posteriore. Per avere la stessa versione a trazione integrale si arriva a 47.295 euro, che crescono a quasi 49.855 euro per aggiungere il cambio automatico. Per avere il 3.0 turbodiesel, invece, bisogna aggiungere altri 10.000 euro (solo automatico e 4WD), mentre il 3.0 V6 turbobenzina da 340 CV costa 61.675 euro. Su tutte le versioni è di serie il pacchetto Jaguar Care, che prevede 3 anni di garanzia, assistenza stradale e manutenzione a km illimitati.

 

Scheda

Motorizzazione provata: F-Pace 2.0d 180 CV

Quando arriva: già disponibile

Quanto costa: 44.250 euro

Quanti CV ha: 180

Quanto consuma: 4,9 L/100 km (ciclo combinato)

Quanta CO2 emette: 129 g/km

0-100 km/h: 8,9 secondi

Garanzia: 3 anni a chilometraggio illimitato

 

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette