Published On: Mer, Mag 4th, 2016

L’ignoranza

Share This
Tags

250px-Pope_Alexander_Vi

di MARCELLO VALENTINO – Se solo la gente sapesse o si ricordasse di tutte le nefandezze che la chiesa ha commesso solo qualche secolo fa, se solo avesse idea di cosa erano i Papi e cosa hanno combinato per i loro sporchi interessi certamente più nessuno metterebbe piede in una chiesa. Ma l’ignoranza e la memoria corta, ma più l’ignoranza, ha fatto si che i più ignorano ancora cosa è stata veramente la chiesa e i Papi nei secoli passati. Ora la storia si ripete con l’Isis e si continua ad uccide sempre in nome di un dio che non c’è. Cosa vuole poi l’Isis di diverso di quello che volevano i Papi e la chiesa solo 400/500 anni fa. I popoli fanno la guerra per un credo o l’altro, i popoli ne pagano le conseguenze. Questo voi come lo chiamate? Chi promulga la guerra lo fa per ingordigia, per appropriarsi del potere, per denaro e illude il popolo ignorante che tutto cambierà. Ma poi una volta ottenuto lo scopo le cose cambiano solo per chi detiene il potere e il popolo ha solo cambiato padrone.  Intanto si è ucciso e si è morti per nulla. L’ignoranza è come la nebbia della pianura padana si diffonde subdolamente ovunque e all’improvviso, non ti fa più vedere dove è il giusto e la ragione. Solo quattro cinque secoli fa chi sapeva troppo veniva perseguitato  additato ed eliminato perché non diffondesse il suo sapere ai più. Col passare degli anni e molto lentamente chi sapeva e sa come tenere in scacco i popoli ha fatto delle piccole concessioni per rendere più colta la gente, ma ancora oggi chi comanda fa di tutto per tenere il popolo all’oscuro del  sapere. Chi siamo? Dove andiamo? Cosa facciamo? Quanti di noi ci rendiamo veramente conto e sappiamo cosa siamo e per chi lavoriamo? Certo le società cambiano si evolvono con il tempo, i meccanismi si modificano ma solo per svilupparsi adattandosi all’occorrenza. Un subdolo sistema viene sviluppato continuamente sopra di noi per darci la percezione dei cambiamenti, cambiamenti concessi che crescono insieme alla nostra limitata intelligenza, più cresce la nostra intelligenza più il sistema si evolve e si adatta a noi e con noi. Un esempio che spiega perfettamente la situazione sono i computer e i telefonini ogni tre mesi se ne sforna una nuova versione e noi siamo quelli che devono imparare ad usarla, loro quelli che l’ hanno costruita ne stanno già preparando un’altra versione. Chi ha costruito il Palazzo Ducale di Parma? Solo qualche anno fa i più non lo sapevano e non lo sanno neanche adesso, ma adesso basta un click che chiunque o quasi lo può sapere all’istante. Ma chi ti ha messo in grado di saperlo all’istante è già molto più avanti, tanto avanti da illuderti di aver raggiunto chissà quale conquista. Tutto questo per dirvi che cosa? Che noi siamo il popolo e continueremo chissà per quanti secoli ancora ad essere il popolo e ad ubbidire a chi i popoli li ha sempre comandati e sottomessi; pensate pochi molto pochi in confronto ai popoli eppure sono i pochi a comandare. E noi…. Come diceva il marchese del Grillo “Noi non siamo un cazzo”. L’unica soddisfazione che potevamo prenderci è diventata lo slogan di un comico, ma anche lui, la sta cambiando, fra un po’ la indirizzerà da un’altra parte. Non l’avete capita! Fa parte del solito gioco. l’ignoranza. 

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette