Published On: Lun, Nov 14th, 2016

Referendum, Renzi: “Non resto nella palude, vengano altri a galleggiare”

Share This
Tags

“La riforma è un treno che non ripassa. D’accordo con modifiche sull’Italicum”

Torna ad attaccare sul referendum il premier Matteo Renzi e ribadisce di avere l’obiettivo di cambiare l’Italia e, in caso non sia possibile, di non essere tagliato per “galleggiare”.

“Io non sono in grado di restare nella palude. Uno sta al potere finché può cambiare se dobbiamo lasciare le cose come stanno vengano altri che son bravi a galleggiare“. Dice Matteo a ‘Che tempo che fa’ dove, come ricorda Fabio Fazio, legò le sue dimissioni all’esito del referendum. “Quindi si dimetterà?”, gli viene chiesto. “E che facciamo, lo stesso errore?”, scherza Renzi che poi afferma: “la politica non è l’unica cosa che conta nella vita”. “La riforma – sottolinea – è un treno che ripassa tra 20 anni, se ripassa. Non troverete un solo politico disposto a ridursi lo stipendio. Oggi si ha paura di dire si”. Infine una stoccata alla minoranza. “Il referendum – ha evidenziato – non è il Congresso del Pd. Chi vuole il Congresso del Pd deve aspettare il 5 dicembre”, da lì in poi “ci sarà un bellissimo Congresso”. Il premier di dice anche d’accordo con documento del Pd sull’Italicum – “Si, accetto modifiche. Sono d’accordo”, dice parlando del testo. “Ma – sottolinea – la legge elettorale non c’entra con la riforma”.

In giornata Renzi è intervenuto anche a Napoli. “Interpreto il 4 dicembre come una occasione in cui si fa chiarezza. Una semplificazione che non è solo il taglio delle poltrone. Per non parlarne ogni giorno se ne inventano una, come la lettera dagli italiani all’estero che avevano fatto anche Berlusconi e Bersani”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio Matteo Renzi intervenendo all’assemblea nazionale sul Mezzogiorno in corso a Napoli. “In settimana – ha proseguito – faremo i primi mille giorni di governo e non è che ce ne saranno altri mille perché ogni tanto si vota, ma è già un record esserci arrivati. Ma se dovessi guardare dove eravamo e dove siamo, il compito del nostro governo è stato mettere a posto il passato. C’era la palude, ce lo ricordiamo o no?. Il Parlamento – ha ricordato – non riusciva a eleggere il presidente della Repubblica, rischiavamo di perdere  fondi europei e tutta la classe politica che sembrava impantanata e che avesse come unico obiettivo di rimandare la tornata elettorale. Questo era lo scenario. Ci siamo preoccupati – ha concluso – in questi due anni e mezzo di mettere a posto il passato”. In mattinata, la Polizia ha risposto con un idrante – secondo quanto rende noto la Questura di Napoli – al lancio di uova, sanpietrini e arance da parte di un gruppo di manifestanti, in particolare esponenti dei centri sociali, nella zona di viale Kennedy, vicino alla Mostra d’Oltremare. Un altro gruppo di manifestanti si trova in via Terracina e un altro ancora nella zona del Palabarbuto. Tra alcuni di quelli scesi in piazza e la Polizia c’e’ stato anche qualche altro momento di tensione con spintoni. Un gruppo di manifestanti, nel frattempo, era in precedenza riuscito ad arrivare davanti alla Mostra d’Oltremare. Tra le mani stringono striscioni contro il referendum costituzionale “C’è chi dice No”, uno contro Vincenzo De Luca, governatore della Campania, e il primo ministro con la scritta: “Renzi e De Luca, iatevenne” (andatevene, ndr.). In piazza ci sono esponenti del movimento disoccupati e alcuni appartenenti al centro sociale Je so pazzo – ex Opg occupato.

fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette