L’indagine Pasimafi sulla malasanità coinvolge sempre di più l’Ausl di Parma e si allarga il numero dei dirigenti e dei medici e paramedici indagati. A giudizio del M5S di Parma e del suo candidato sindaco Daniele Ghirarduzzi, le autorità regionali devono provvedere al commissariamento della nostra Azienda Ospedaliera, affinché sia le indagini interne che quelle della magistratura possano procedere nel modo più efficace e senza intralci. Le istituzioni non possono limitarsi a restare a guardare attendendo gli eventi.


Ecco il testo della lettera inviata dal candidato sindaco Daniele Ghirarduzzi alle autorità regionali.


Spett. Presidente della Regione Stefano Bonaccini

Spett. Assessore regionale alla Sanità Sergio Venturi


Presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, dopo i 19 arresti dell’altro ieri, ed i successivi 7 avvisi di garanzia di ieri, sembra palese che ci troviamo davanti non tanto ad un caso isolato, ma ad una falla di sistema.

La nostra Sanità Pubblica, invidiataci da tutto il mondo, che nella nostra Regione tocca punte di eccellenza, viene da un lato periodicamente amputata e smantellata da scelte del Governo centrale di tagli del tutto ingiustificati, e dall’altro sconquassata da episodi di malasanità che, anziché ridursi, si stanno allargando a macchia d’olio. Veri e propri terremoti che minano la fiducia dei cittadini verso le Istituzioni, di cui, quelle Sanitarie sono fra le più importanti perché a presidio del diritto fondamentale alla salute.

È di tutta evidenza che, laddove si verificano episodi come questi, fatta salva la presunzione di innocenza fino a sentenza contraria, che vedono primari ospedalieri gestire presumibilmente un giro di malaffare imperniato su sperimentazioni umane illegali, sull’ammorbidimento dei risultati delle ricerche per compiacere le aziende farmaceutiche, oltre alle accuse ormai di routine, in questi casi, di abuso d’ufficio, concussione, e perfino di riciclaggio, saremmo davanti a tale sprezzo delle vite umane, a tale disumanità, per di più perpetrata sulle categorie più deboli, cioè persone a fine vita, che mi vergogno persino di essere italiano, e parmigiano, in questo momento.

Non può essere che l’Ospedale si macchi di un così terribile crimine. Non ci posso credere.

Pertanto, in attesa che la Magistratura chiarisca il quadro d’insieme, che ogni giorno si sta allargando sempre di più, e considerata la situazione di estrema emergenza per la salute pubblica cittadina, chiedo, in qualità di candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle di Parma, alle SS.VV., per il rispetto che porto per voi e per le Istituzioni che rappresentate, di procedere senza indugio al commissariamento dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

I cittadini di Parma si aspettano questo da voi. Anche per consentire, da parte vostra, una più efficace indagine amministrativa interna che sono sicuro avete già avviato, in parallelo con l’attività della Magistratura di cui ho piena fiducia, ma che sappiamo ha tempi più lunghi.

Certo della vostra sensibilità di esseri umani, prima ancora che Rappresentanti delle Istituzioni, vi porgo i miei più distinti saluti.



Daniele Ghirarduzzi, candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle del Comune di Parma

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: