E’ in caserma polizia. Della Vedova: ‘Attivato il consolato’

Yuri Guaiana, attivista dell’associazione radicale ‘Certi Diritti’, è stato fermato dalla polizia a Mosca mentre si stava recando alla procura generale per consegnare le firme raccolte dalla petizione contro il trattamento dei gay in Cecenia. Lo fanno sapere il segretario dell’associazione Leonardo Monaco e Marco Cappato. Guaiana si trova ora in una caserma della polizia. “Il nostro console ha incontrato Yuri Guaiana, fermato a Mosca per manifestazione non autorizzata Gay Cecenia. Yuri sta bene”, scrive il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova in un tweet.

“Siamo in contatto con la Farnesina che sta seguendo la vicenda di Yuri Guaiana e gli avvocati sul posto, sappiamo che Yuri sta bene e conosciamo le coordinate della caserma dove è trattenuto. A breve aggiornamenti”, afferma Leonardo Monaco. L’associazione ‘Certi Diritti’ riporta quanto ha dichiarato Guaiana prima di essere fermato: “Siamo qui per consegnare più di 2 milioni di firme al procuratore generale. Non è mai avvenuto prima – ha detto Guaiana -, molta della popolazione cecena chiede che si faccia un’inchiesta efficace e che si fermino subito arresti, torture e uccisioni di gay. I cittadini russi meritano di vivere in libertà e in uno stato di diritto. La Russia deve rispettare i trattati internazionali che ha sottoscritto. Nessuno deve sacrificare la propria libertà e la propria vita solo a causa di quello che si è e di chi si ama, né in Cecenia né da nessun’altra parte”.

Orlando, notizie destano preoccupazione – “Le notizie dalla Cecenia e quello che è successo oggi in Russia desta preoccupazione”. Lo dice il ministro della Giustizia Andrea Orlando nel corso di una conferenza stampa in Senato sulle Unioni civili facendo riferimento alle notizie delle persecuzioni contro i Gay in Cecenia e agli arresti dei quattro attivisti avvenuti questa mattina in Russia. “Non si tratta di questione di altri – sottolinea Orlando – perché forme di democrazia autoritaria sono riferimento anche per forze che agiscono nel nostro Paese”. Il ministro afferma inoltre che “ci sono forze omofobe anche in Europa” e in riferimento alla legge sulle Unioni civili fa notare: “Siamo riusciti a fare una cosa che va in direzione opposta, stiamo facendo passi avanti in un mondo che fa passi indietro”.

“L’arresto a Mosca del nostro compagno Yuri Guaiana, membro del direttivo dell’Associazione Radicale Certi Diritti, è un atto gravissimo. Yuri stava consegnando oltre due milioni di firme di cittadini di tutto il mondo che chiedono che sia fatta luce e sulle persecuzione di persone gay in Cecenia e assicurata giustizia”. Lo afferma Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani. “Ancora una volta nella Russia di Putin la difesa dei diritti umani e delle libertà è considerata un crimine da reprimere, proprio come l’omosessualità. Davanti alla politica liberticida di Mosca, la comunità internazionale non può voltarsi dall’altra parte. E’ il momento che l’Unione Europa in particolare faccia sentire la propria voce. Proprio al Parlamento Europeo noi Radicali, già inizi degli anni Duemila, abbiamo denunciato le barbarie e i piani autoritari di Vladimir Putin ai danni del popolo ceceno. E continueremo a farlo. A Yuri Guaiana va tutto il sostegno di Radicali Italiani, siamo al fianco dell’Associazione radicale Certi Diritti e faremo tutto il necessario affinché il nostro compagno sia rilasciato il prima possibile”, conclude.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: