Il presidente Usa parla di “caccia alle strghe”.  Intanto il Cremlino ha negato di essersi rivolto ad un imprenditore immobiliare russo e a suo figlio per organizzare un incontro tra un legale russo e Donald Trump junior per discutere informazioni compromettenti su Hillary Clinton

“Mio figlio Donald ha fatto un buon lavoro ieri notte. E’ stato aperto, trasparente e innocente. Questa è la più grande caccia alle streghe nella storia politica. Triste!”: lo ha scritto il presidente americanoDonald Trump in un tweet. “Ricordatevi, quando sentite le parole ‘le fonti dicono’ dai Fake Media, spesso quelle fonti sono inventate e non esistono”, ha aggiunto il presidente Usa in un altro tweet

Ma secondo il nuovo capo dell’Fbi Christopher Wray, il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate, Robert Mueller non è alle prese con una “caccia alle streghe. Nella sua audizione di conferma al Senato Wray ha aggiunto che qualsiasi tentativo di interferire con l’indagine sul Russiagate del procuratore speciale è “inaccettabile”. Wray ha inoltre elogiato sia Mueller che il suo predecessore James Comey licenziato da Trump, definendoli uomini onesti e competenti.

Intanto il Cremlino ha negato di essersi rivolto ad un imprenditore immobiliare russo e a suo figlio per organizzare un incontro tra un legale russo e Donald Trump junior per discutere informazioni compromettenti su Hillary Clinton durante la campagna presidenziale americana.

fontea ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: