Il competente Servizio del Comune di Parma ha disposto, con provvedimento amministrativoai sensi dell’art. 22 del D.lgs. n. 114/1998, la sospensione per venti giorni, decorrenti dal 15 ottobre 2017, dell’attività di un esercizio commerciale etnico operante in Oltretorrente.

Il provvedimento è stato adottato a seguito dell’accertamento – nell’ambito dei controlli congiunti operati degli agenti della Municipale e degli ispettori del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’AUSL di Parma – di gravissime violazioni in ambito amministrativo ed igienico-sanitario, che hanno determinato, a carico dell’esercente: l’irrogazione di sanzioni pecuniarie, il sequestro amministrativo e sanitario di deversi generi alimentari e il deferimento all’autorità giudiziaria.
Nello specifico, l’attività in questione deteneva, per la vendita, prodotti privi di etichettatura e una notevole quantità di merci in evidente cattivo stato di conservazione, idonee ad arrecare pericolose conseguenze per la salute pubblica.

Assessore Casa: “Soddisfatto, avanti con questo impegno”.
L’operazione è così commentata dall’assessore alle Attività Produttive Cristiano Casa: “Esprimo soddisfazione per l’attività di controllo, operata congiuntamente tra polizia municipale e servizio di igiene pubblica dell’Ausl. Di certo non ci fermiamo qui: i controlli continueranno nel tempo a tutela della salute dei parmigiani”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: