Le operazioni di pulizia e taglio degli alberi secchi e malati, nell’alveo del torrente Parma, sono state concordate tra Aipo, Comune ed associazioni ambientaliste. Si tratta di interventi di manutenzione indispensabili per garantire la sicurezza idraulica nel tratto urbano del torrente Parma, prima del periodo più piovoso, e sono state eseguite dopo un’approfondita analisi ambientale delle aree interessate e degli alberi oggetto di intervento.
Le operazioni sono state condotte seguendo il criterio di un corretto equilibrio tra l’inderogabile dovere di garantire la sicurezza idraulica della città – è appena trascorso il 3° anniversario dell’esondazione del 2014 – e il rispetto del peculiare valore ambientale delle zone oggetto delle operazioni. Si è proceduto, perciò, ad un taglio selettivo della vegetazione, con asportazione delle piante ormai ammalorate e/o in posizione precaria o a rischio. Molte di esse erano in situazioni di avanzato degrado, con conseguente pericolo di crollo improvviso.
Pur comprendendo le legittime preoccupazioni delle associazioni ambientaliste – spiega l’assessore alle gestione del verde e sicurezza idraulica Michele Alinovi – ritengo che la sicurezza idraulica della città sia un obiettivo primario. In vista di future azioni inerenti la manutenzione del verde all’interno degli alvei fluviali, penso sia opportuno formulare un protocollo di intesa con le varie associazioni ambientaliste del territorio che ho incontrato di recente, insieme ad Aipo, proprio per condividere gli interventi effettuati in alveo. Il protocollo di intesa permetterebbe di sgomberare il campo da equivoci e fraintendimenti. Ringrazio Aipo che si è adoperata con solerzia per reperire i fondi e dare seguito, con competenza e professionalità, alla manutenzione straordinaria del torrente Parma e per essere intervenuta in tempi rapidi”.
 

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: