di GIORGIA FIENI – Un nuovo anno alimentare è iniziato. Siamo pronti come sempre ad accogliere novità e a riflettere su tutto ciò che ci sta capitando ogni volta che facciamo la spesa e ci mettiamo a tavola. Per cui, proprio come per i buoni propositi, è bene fare un punto su dove siamo e dove vorremmo andare…in libertà.
Il cucinare è diventato sinonimo di personalizzare. Ripetere una ricetta pedissequamente si fa solo con quelle insegnatevi da mamme e nonne. Tutto il resto rendetelo adatto ai vostri gusti: basta cambiare un ingrediente o il sottofondo musicale con cui vi mettete a prepararlo e il risultato sarà differente. Non c’è bisogno di creare opere d’arte…fate ciò che sentite e sarà apprezzato di sicuro.
Dimenticate certe convinzioni che avete sul cibo. A meno di problemi conclamati, non esiste alimento che faccia male o faccia ingrassare…la soluzione è sempre la stessa: siate moderati, fate attività fisica, bevete molta acqua. Anziché affidarvi alla saggezza popolare o alle notizie allarmanti e spesso infondate di internet, guardate le etichette (si sta anche provvedendo per una certificazione elettronica…per le specie viventi basata sul Dna) per sapere di cosa state per nutrirvi e imparate a riconoscere le varietà e le differenze tra i vari prodotti.
Non copiate il modo di alimentarsi dei vip. Leggete la notizia perché è un passatempo divertente ma prendetela con le molle. Credetemi, non è vero che Gigi Hadid a pranzo mangia uova strapazzate, a pranzo il cheeseburger e a cena sushi e gelato…se avete visto la foto lo ha fatto per la fama sui social…in realtà ne ha mangiato un boccone e poi è corsa in palestra a smaltirlo. Scarlett Johannsson invece per un po’ ci ha fatto credere che nella vita bastavano un marito francese e un negozio di popcorn gourmet per essere felici, poi ha divorziato e mi chiedo che fine abbia fatto quell’iniziativa…
Non credete nemmeno agli chef. Né a quelli che vi fanno passare il messaggio che in cucina ci vuole rabbia e odio reciproco perché favorisce la competizione né a quelli come Franco Noriega per cui basta indossare un grembiule sopra i muscoli per avere molti fans sul suo canale Youtube. In realtà sono persone che lavorano molto, come ha affermato Antonino Cannacacciuolo: “Gli chef famosi della tv sono 10, quelli che si fanno il mazzo in cucina per 16 ore al giorno senza conoscere feste e domeniche sono milioni. Più probabile far parte della seconda categoria. Vuoi farlo? Accomodati!”
Il resto alla prossima puntata…

Articolo Precedente

Articolo successivo

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: